martedì 9 dicembre 2014

IGNAZIO TOZZO AL LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI TRAPANI OPERERÀ NELLA "CONTINUITÀ" DI INGROIA

Si è insediato questa mattina il nuovo commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Trapani, Ignazio Tozzo. Avvocato, 49 anni, dirigente Generale del dipartimento Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico dell'Assessorato Regionale alla Salute, è il quarto commissario straordinario nominato a Palazzo Riccio di Morana, sede della Presidenza dell'ex Provincia Regionale, dal governatore Rosario Crocetta, da quando il 27 marzo 2013 è stata approvata la L.R. n. 7/13 sulla istituzione dei Liberi Consorzi comunali che hanno rimpiazzato le soppresse nove Province siciliane. Tozzo prende il posto dell'ex magistrato Antonio Ingroia, che ha lasciato per scadenza del suo mandato il 31 ottobre, non senza polemiche, dato che prima l'Autorità Anticorruzione e poi l'Ars gli hanno impedito di continuare a svolgere il suo incarico contemporaneamente all'altro, quello di commissario di Sicilia E-Servizi. Da oggi e fino all'8 aprile 2015, termine inderogabile fissato dalla Legge nazionale n.56/2014, il neo commissario opererà in sostituzione e con le funzioni di tutti gli Organi provinciali. Ciò, nelle more della elezione dei nuovi Organi previsti dalla Legge Reg.le dell'11 marzo 2014. Contestualmente al suo insediamento, Ignazio Tozzo ha proceduto al formale scambio di consegne con il precedente Commissario Straordinario, Antonio Ingroia. In particolare, il neo Commissario Straordinario ha tenuto a sottolineare che non è possibile aspettarsi molto dai circa quattro mesi di tempo del suo mandato anche a causa dei seri problemi finanziari che affliggono l'Ente, anticipando che "lo spirito è di dare continuità all'azione sin qui svolta e cercare di far funzionare l'Ente al meglio. Per mia natura – ha affermato Tozzo - sono ottimista. Sono quindi certo che, nonostante tutto, arriveranno dei risultati. La scommessa vera è quella di riuscire ad utilizzare le risorse finanziarie disponibili nel migliore dei modi". L'ex magistrato, presente all'insediamento, si è detto felice della scelta fatta dal governatore Rosario Crocetta. "In questi otto mesi – ha dichiarato – abbiamo fatto molte cose. Molte altre restano ancora da fare. Sono sicuro che il nuovo commissario si muoverà sulla stessa linea nell'ottica della continuità".

Nessun commento:

Posta un commento