giovedì 17 luglio 2014

MAFIA. INIZIATO A TRAPANI PROCESSO AI PRESTANOME DI MATTEO MESSINA DENARO

E' iniziato oggi, davanti al Tribunale di Trapani, il processo a carico dell'imprenditore di Paceco, Michele
Mazzara, accusato di intestazione fittizia di beni e ritenuto un prestanome del boss latitante Matteo Messina Denaro. Prima dell'arresto del 13 dicembre scorso, nell'ambito dell'operazione Eden, in cui vennero catturati 
tra Castelvetrano, Campobello di Mazara e Palermo, una trentina di persone, e tra gli arrestati anche cinque familiari del boss latitante, Michele Mazzara, 53 anni, era stato arrestato, dalla polizia, nel 1997 nell'ambito dell'operazione antimafia denominata Halloween. 
Alcuni pentiti lo accusavano di aver ospitato Matteo Messina Denaro in una villetta di sua proprietà. In alcuni capannoni di opifici, invece, si sarebbero tenuti summit di mafia nel corso dei quali sarebbero stati pianificati anche omicidi. Nel 1999 Mazzara patteggiò una condanna per favoreggiamento, ad un anno e due mesi, beneficiando della sospensione condizionale della pena. Ufficialmente è un trebbiatore, con un reddito modesto. In realtà, però, Michele Mazzara sarebbe un imprenditore che controllava, attraverso una serie di prestanomi, un impero valutato intorno ai 25 milioni di euro, sequestrato nel gennaio 2012. 
 Tra i beni sequestrati figurava anche il più grande albergo di San Vito Lo Capo Panoramic. Un notevole potere economico e non solo, perché dalle indagini sarebbe emerso che Mazzara aveva rapporti con esponenti politici locali e tra i suoi collaboratori figura anche un noto professionista. 
 Con Mazzara, per lo stesso reato, sono imputati anche Antonella Agosta, già vice presidente del consiglio comunale di Buseto Palizzolo, che si sarebbe fittiziamente intestata il 5% della Spe.fra costruzioni srl, appartenente in realtà a Michele Mazzara, e l'ex marito Francesco Spezia. Quest'ultimo è contestualmente imputato di corruzione dinanzi ai giudici del Tribunale di Palermo. Il dibattimento è stato rinviato al 18 settembre prossimo.

Nessun commento:

Posta un commento