martedì 29 luglio 2014

DOPO LA DEMOLIZIONE DELL'ECOMOSTRO A PETROSINO SI ATTENDE LO SMANTELLAMENTO DEL "LIDO LE TORRAZZE"

E' stata abbattuta casa "La Francesca", un ecomostro che sorgeva sulla spiaggia di Torrazza, sul litorale di Petrosino. Le operazioni hanno preso il via all'alba. Il provvedimento è scattato dopo che il Tribunale Amministrativo Regionale di Palermo, lo scorso venerdì 25 luglio, ha rigettato il ricorso presentato dai proprietari per la sospensiva dell'ordinanza di demolizione emessa, a giugno dello scorso anno, dal sindaco di Petrosino, Gaspare Giacalone, rilevando il pericolo di crollo concreto e il rischio per l'incolumità pubblica che prevale sul diritto di proprietà. Ad annunciare la notizia dell'avvenuta demolizione è stato lo stesso primo cittadino su Facebook. "E' stato finalmente rimosso ogni rischio - scrive Giacalone - per la pubblica incolumità e la spiaggia di Torrazza appare decisamente bella stamattina. Buongiorno Petrosino e buongiorno a quell'altra Sicilia, la Sicilia a cui molti di noi appartengono". Nei primi giorni di luglio, Goletta Verde aveva fatto tappa alla piazza di Torrazza proprio per chiedere l'abbattimento di questo ecomostro, ormai fuori contesto storicamente, culturalmente e paesaggisticamente. "Siamo contenti e soddisfatti – dichiara Letizia Pipitone, presidente del circolo di Legambiente Marsala-Petrosino – per il pronunciamento del Tar e per la celerità con cui l'amministrazione comunale di Petrosino ha proceduto alla demolizione, eliminando il pericolo per la pubblica incolumità e restituendo 'alla bellezza' la spiaggia di Torrazza". Non è mancato l'apprezzamento del direttore di Legambiente Sicilia che ha tenuto a sottolineare che questo abbattimento "è il primo passo – dichiara Gianfranco Zanna –. Adesso attendiamo che la Regione Siciliana, attraverso gli uffici del demanio faccia la sua parte e restituisca Torrazza, compresa l'area su cui insisteva Casa la Francesca, con la procedura di delimitazione alla comunità che è l'unica legittima proprietaria della spiaggia. Noi non ci stancheremo di batterci perché ciò avvenga in tempi certi e rapidi". 
Dopo casa "La Francesca", la Procura di Marsala ha disposto il dissequestro dello stabilimento balneare Lido Le Torrazze, a pochi metri dall'ecomostro demolito, per permettere ai proprietari di demolire la struttura di proprietà della Roof Garden di Michele Licata. Secondo la concessione il lido doveva avere i requisiti della stagionalità, in sostanza doveva essere smontato alla fine dell'estate, invece, costruito nell'estate del 2012, non fu così, perché si tratta di uno stabile con fondazioni in cemento armato, travi e pilastri in legno lamellare e copertura in pannelli coibentati. Adesso la ditta proprietaria dovrà provvedere allo smantellamento della struttura, altrimenti, anche in questo caso, si procederà alla demolizione coatta e in aggiunta anche all'acquisizione a patrimonio comunale.

Nessun commento:

Posta un commento