mercoledì 25 giugno 2014

MAXI SEQUESTRO DI HASHISH, ARRESTATO L'INTERO EQUIPAGGIO DI NAZIONALITÀ LIBANESE ED INDIANA

Ha fatto ingresso ieri mattina al porto di Trapani il "gigante" di hashish, battente bandiera del Togo, bloccato e sequestrato due giorni prima dai mezzi navali delle Fiamme Gialle nelle acque territoriali dell'Isola di Pantelleria, a conclusione di una operazione di intelligence, scattata a seguito di una "soffiata" raccolta da agenti sotto copertura in Marocco. La nave "Aberdeen", adesso ormeggiata al molo Isolella, è stata intercettata con un carico a bordo di circa 40 tonnellate di hashish diretto in Egitto. La droga sequestrata avrebbe reso sul mercato illegale decine di milioni di euro. 
La complessa operazione internazionale è stata condotta in collaborazione tra il II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza, il Maritime Analysis and Operations Centre (MAOC-N) di Lisbona, le Autorità doganali francesi e la Direzione Centrale dei Servizi Antidroga (DCSA) di Roma. Il mercantile sospetto è stato individuato il 23 giugno da aerei dotati di sofisticate apparecchiature di rilevamento del Comando Operativo Aeronavale di Pratica di Mare mentre era in navigazione nel Mediterraneo Occidentale e tenuto sotto osservazione fin quando, giunto a breve distanza dalle coste nazionali, dopo che il comandante si era rifiutato di fermarsi all'intimazione di "alt" per essere sottoposto a controllo, è stato raggiunto ed abbordato dalle unità navali d'altura della Guardia di Finanza, che effettuano vigilanza aeronavale nel Canale di Sardegna e nello Stretto di Sicilia per il monitoraggio delle rotte commerciali e la prevenzione e repressione dei traffici illeciti verso le coste italiane e comunitarie. 
Rilevata la presenza a bordo dell'ingentissimo quantitativo di droga, i finanzieri hanno sottoposto a fermo di polizia i 15 membri dell'equipaggio, di nazionalità libanese ed indiana, tutti arrestati, compreso il comandante, consegnati alla Procura della Repubblica di Trapani che coordina le indagini. Il maxi sequestro di droga operato nel Mare Mediterraneo si aggiunge a quelli già eseguiti nelle precedenti operazioni condotte dal Comando Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza che, nell'ultimo triennio, hanno portato al sequestro di oltre 154 tonnellate di droga, di cui 80 di hashish, 67 di marijuana e 7 di cocaina, e di trecentodue imbarcazioni utilizzate nei traffici illeciti.

Nessun commento:

Posta un commento