lunedì 30 giugno 2014

GIALLO A SALEMI, SI SCAVA NELLA VITA DELL'AGRICOLTORE UCCISO E SEMI CARBONIZZATO

Il cadavere di un agricoltore, parzialmente carbonizzato, è stato rinvenuto in aperta campagna, davanti la propria abitazione a Salemi in contrada San Giacomo. La vittima, Antonino Di Giorgi, 74 anni, celibe ed incensurato, è stato trovato dai carabinieri della locale stazione, allertati dal nipote dell'anziano che da due giorni non aveva più sue notizie. L'agricoltore, ucciso, a quanto pare, da diversi colpi procurati da un non meglio precisato oggetto contundente, forse un bastone, presentava ferite alla testa e la maglietta e i pantaloni in parte bruciati. Chi lo ha colpito a morte verosimilmente avrebbe tentato di dare fuoco al corpo esanime, forse per cancellare eventuali tracce. Per tutta la notte gli uomini della locale stazione, coadiuvati dai carabinieri della compagnia di Mazara del Vallo e dalla scientifica, hanno effettuato, richiedendo anche l'intervento dei Vigili del Fuoco, i rilievi di rito, alla ricerca di elementi che li possano mettere sulla pista giusta. Stando alle prime ricostruzioni, sembrerebbe che qualcuno sia penetrato all'interno dell'abitazione della vittima, dove viveva da diversi anni in solitudine, pare per un tentativo di furto, e che, colto in flagranza, abbia reagito uccidendolo. Per poi affidarlo alle fiamme, proprio davanti l'ingresso di casa, nel tentativo di distruggere eventuali tracce lasciate sul corpo. Le effettive cause del decesso saranno stabilite dall'autopsia, che sarà eseguita presso l'obitorio del cimitero di Mazara del Vallo, dove la notte scorsa è stata trasferita la salma. Per gli inquirenti è stato ucciso e in questa direzione stanno scavando nella vita dell'agricoltore, concentrandosi, in particolare, sulle sue frequentazioni. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Marsala, sono in corso per individuare l'assassino, anche se al momento, il movente del delitto è ancora tutto da decifrare. Parrebbe che già altre volte, nel recente passato, l'anziano agricoltore fosse stato preso di mira da strani ladri introdottisi all'interno della sua casa, dove viveva da diversi anni in solitudine. Di Giorgi era noto a tutti in paese per essere stato prima un rivenditore di gas liquido e bombole e, di recente, anche ambulante, vendendo verdure, ortaggi e frutta che egli stesso produceva nella sua azienda agricola.

Nessun commento:

Posta un commento