lunedì 12 maggio 2014

NELLA CAPITALE GARIBALDINA NUMERI RECORD PER LE AMMINISTRATIVE

Per le amministrative del 25 maggio prossimo a Salemi, comune sciolto per infiltrazioni mafiose nel 2012, sono scesi in campo sette candidati alla carica di sindaco, dieci liste in corsa e 186 aspiranti a una delle venti poltrone di consigliere comunale. I numeri da soli basterebbero per parlare di elezioni da record per una piccola cittadina di quasi undicimila abitanti, dove la campagna elettorale è entrata nel vivo. Dei sette candidati alla poltrona di primo cittadino, di cui quattro sostenuti da altrettante liste civiche, c'è anche Sgarbi, che ritenta l'elezione alla guida della lista "Partito della Rivoluzione". L'arrivo del critico d'arte in città è previsto per il 16 maggio. Nel 2008 i candidati sindaco furono sei, mentre le liste in corsa furono dodici. A vincere Vittorio Sgarbi che, dopo aver raggiunto il 39 per cento al primo turno, si impose al ballottaggio sul candidato del centrosinistra Alberto Scuderi. L'esperienza si concluse nel 2012 con lo scioglimento del Consiglio comunale e le conseguenti dimissioni di Sgarbi, che ha sempre contestato l'atto adottato dal Consiglio dei ministri. Adesso Salemi torna alle urne e trova, oltre a Sgarbi, il centrodestra spaccato, con altri due candidati, il dirigente scolastico Salvino Amico, per Ncd, e il funzionario dell'Asp di Trapani Nicola Gucciardi, con la lista "Salemi nel cuore" e Forza Italia. Il centrosinistra prende spunto dall'alleanza che a Palermo sostiene il governatore Rosario Crocetta. Il Partito democratico, l'Udc, che alle scorse elezioni sostenne Sgarbi, ed Articolo 4 appoggiano la candidatura di Domenico Venuti, già componente della direzione regionale del Pd e vicinissimo al capogruppo dei democratici all'Ars, l'on. Baldo Gucciardi. Ad appoggiare Venuti anche i deputati trapanesi all'Ars, Antonella Milazzo, Mimmo Turano e Nino Oddo. Sempre a sinistra anche la candidatura del ragioniere Gianni Armata, con un passato da dirigente all'interno della sinistra locale, che scende in campo con la lista civica "Salemi che cambia", sostenuta anche da Sel. Estraneo ai politici locali il Movimento cinque stelle che candida Nicola Trapani, giovane laureato in Chimica e tecnologie farmaceutiche. A chiudere la rosa dei candidati a sindaco il docente Antonino Ardagna, sostenuto dalla lista civica "Cittadini in Comune".

Nessun commento:

Posta un commento