martedì 8 aprile 2014

SI SCAGLIA CONTRO LA MOGLIE E LA FIGLIA DI APPENA UN ANNO E MEZZO, TRENTOTTENNE FERMATO PER MALTRATTAMENTI

Un trentottenne, M.S., originario di Reggio Emilia ma residente a Paceco, è stato tratto in arresto dai
carabinieri della locale Stazione e da una pattuglia dell'aliquota radiomobile del Norm, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. A richiedere l'intervento dei militari è stata la giovane moglie, vittima delle continue angherie del coniuge. Sabato pomeriggio, la furia dell'uomo si era nuovamente scagliata immotivatamente contro la giovane moglie, che aveva ancora una volta subito silenziosamente. Questa volta, però, al culmine di una furibonda lite, il marito si è scagliato anche contro la piccola figlia, di appena un anno e mezzo. Approfittando di un momento di distrazione e di calma apparente nell'infernale pomeriggio, non potendo sopportare il comportamento del marito nei confronti della piccola, ha immediatamente chiamato il "112". Alla vista dei militari, il trentottenne ha tentato nuovamente di aggredire la coniuge, ritenuta "responsabile" di aver allertato le Forze dell'Ordine, richiedendone l'aiuto. I carabinieri, resesi conto della gravità della situazione e della pericolosità dell'uomo, lo hanno prontamente bloccato, arrestandolo con l'accusa di maltrattamenti. Dopo le formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno, è stato immediatamente condotto presso la casa circondariale di San Giuliano, a disposizione dell'Autorità giudiziaria. La moglie e la piccola sono state accompagnate al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Antonio Abate, dal personale sanitario del 118, per essere medicate e refertate. Entrambe sono state giudicate guaribili in pochi giorni per le lesioni subite. La coraggiosa denuncia della giovane donna ed il pronto intervento dei carabinieri ha evitato ancora una volta il peggio.

Nessun commento:

Posta un commento