mercoledì 30 aprile 2014

SCIOCCANTE RIVELAZIONE ANONIMA SULLA PICCOLA DENISE PIPITONE: "MORTA E SEPOLTA A MAZARA"

Denise Pipitone, la piccola scomparsa il primo settembre 2004, sarebbe sepolta nel territorio di Mazara del Vallo. A quasi dieci anni dal rapimento della piccola, alla redazione del programma condotto da Federica Sciarelli, è stata recapitata una lettera anonima, dove sarebbe indicata la località esatta dell'occultamento del corpicino di Denise, che all'epoca dei fatti era in procinto di compiere quattro anni. Prima di essere consegnata alla Procura di Marsala e dare il lancio alle agenzie stampa, l'anonima missiva è stata letta alla mamma della piccola, che sul blog "cerchiamodenise" ha immediatamente precisato: "Noi continuiamo a cercare Denise viva". Inoltre dopo aver sottolineato che si tratta di una lettera anonima, Piera Maggio ha tenuto a precisare "è il caso di non creare allarmisti inutili, le verifiche andranno fatte come sempre. In questi anni ne sono state recapitate a centinaia lettere anonime e tutte senza esito. Siamo sicuri che si tratti dell'ennesima lettera da parte di qualche sensitivo. Anche se anonima - ha sottolineato - , come spesso accade, nella missiva non viene specificato nulla di concreto o dettagliato (come cercare un ago in un pagliaio), come sicuramente farebbe una persona che sa' con certezza dei fatti avvenuti. Sistematicamente ogni qualvolta che si parla della vita di Denise, in senso positivo, ecco che si scatenano una caterva di sensitivi, che con le loro sensazione - continua a scrivere la mamma di Denise - sia in positivo che in negativo parlano di dove potrebbe trovarsi la mia bambina". In conclusione lancia un appello: "Oggi, io mamma di Denise, chiedo una cortesia a tutti i sensitivi, pur rispettando le loro particolari sensazioni e le loro buone intenzioni, dopo le tante esperienze avute in questi anni, voglio - sottolinea Piera Maggio - che non si esprimano più sul caso Denise Pipitone. Bisogna non creare allarmismi inutili. Le notizie prima di ritenerle fondate necessitano di approfondimenti". Nell'intervista rilasciata all'inviato del programma "Chi l'ha visto?", il procuratore capo di Marsala, Alberto Di Pisa, ha assicurato: "Saranno fatti controlli sui luoghi indicati, si continua a cercare e a verificare tutte le segnalazioni che arrivano. Abbiamo fatto una nuova carta topografica dei luoghi dove è scomparsa Denise. All'epoca - precisa Di Pisa - non c'era cognizione precisa del territorio, le ricerche della bambina scomparsa continuano". Poi in merito al processo di appello iniziato il 18 aprile scorso a Palermo, il procuratore ha puntualizzato: "Rimaniamo convinti del nostro impianto accusatorio. Tant'è che in primo grado abbiamo chiesto 15 anni per l'imputata Jessica Pulizzi, sorella per parte di padre della bambina scomparsa. Il processo - spiega Di Pisa - si è concluso con l'assoluzione con formula dubitativa. Pur non essendoci prove gli indizi sono molto stringenti. Attendiamo di sapere cosa deciderà il Tribunale di Palermo con l'appello".





Nessun commento:

Posta un commento