martedì 11 marzo 2014

SERIE B. JUVE STABIA-PALERMO, 0-3

Il Palermo non fa sconti e si impone al “Menti” di Castellammare di Stabia con un secco 0-3.La squadra rosanero è di una categoria superiore rispetto ai campani e archivia il successo già nel primo tempo con tre gol (doppietta di Bolzoni e poi rete di Vazquez). Iachini, orfano di Hernandez (infortunato) e Lafferty squalificato schiera un 3-5-1-1 con Dybala in attacco supportato da Franco Vazquez. Braglia risponde con un 4-3-1-2 che prevede in attacco la coppia Sowe e Di Carmine supportati dall’ex rosanero Caserta. Dopo una azione pericolosa di Sowe il Palermo passa in vantaggio: Dybala controlla la sfera al limite dell’area e serve sulla sinistra Vazquez: “El Mudo”, crossa perfettamente per Bolzoni che di testa appoggia in rete per il suo il suo primo gol stagionale. Al 6′ è Lazaar a mandare il pallone verso l’incrocio, ma un miracolo di Benassi evita la rete del 2-0. Bolzoni è una mina vagante nell’area avversaria e al 14′ raddoppia risolvendo una mischia in area. Al 23′ l’arbitro Fabbri indica il dischetto per un contatto in area stabiese fra Parigini (ammonito) e Stevanovic. Dagli undici metri Maresca fallisce calciando debolmente tra le braccia di Benassi. Ma il 3-0 non tarda a arrivare. Dybala e Vazquez penetrano come lame nel burro nella difesa di Braglia e confezionano la rete del 3-0 al 33′ grazie ad un tiro preciso del “Mudo” che infila all’angolino il portiere di casa. Nella ripresa il Palermo sostituisce Munoz e Stevanovic con Milanovic e Pisano. La squadra di Iachini controlla il risultato e fa molto possesso palla. Le azioni latitano da una parte e dall’altra. Intorno al 40′ entra anche Belotti. Il gallo fuori per un infortunio all’adduttore torna a calcare i campi da gioco anche se per pochi minuti. Nei due minuti di recupero non accade nulla di rilevante e gli ospiti si aggiudicano la vittoria, In virtù del successo il Palermo sale a 53 punti e distanzia di sette lunghezze l’Empoli che insegue.

Cronaca di Salvatore Calafiore per 

Nessun commento:

Posta un commento