mercoledì 26 marzo 2014

AGGUATO IN PIENO GIORNO NEL CENTRO STORICO A MARSALA. GAMBIZZATO "U CAPITANO" A COLPI DI PISTOLA

E' stato gambizzato in pieno giorno nel centro storico di Marsala, il cinquantaduenne marsalese, Giovanni Angileri, soprannominato "U capitano". La sparatoria è avvenuta, intorno alle 9.30, al bar della zona in via Roma, una delle arterie principali della città. 
La vittima dell'agguato, nota alle forze dell'ordine per diversi precedenti, lesioni, risse e percosse, era sceso dalla sua auto, una Porsche, e stava per entrare nel bar dove è solito fare colazione, quando è stata ferita ad una gamba da un individuo che a distanza ravvicinata gli ha sparato alcuni colpi di pistola, dileguandosi subito dopo. Angileri, colpito alla coscia sinistra, ha perso molto sangue ed è stato ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Paolo Borsellino di Marsala, dove si trova sotto osservazione. Non sembra essere in pericolo di vita, nonostante abbia perso molto sangue. Fortunatamente il proiettile non ha forato arterie vitali. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine al completo che stanno indagando sull'agguato, ascoltando i commercianti della zona per cercare di identificare l'uomo che ha sparato. Il titolare di un negozio vicino alla scena del crimine ha raccontato di aver "sentito sparare, sono uscito, e ho visto l'uomo dimenarsi e perdere sangue dalla gamba". Intanto, bocche cucite da parte delle forze dell'ordine sulle indagini, che sono immediatamente scattate dopo la sparatoria per trovare chi ha premuto il grilletto ed il movente. La vittima del tentato omicidio lavora come pescivendolo e qualche mese fa è stato protagonista di un altro fatto di cronaca. Il 3 settembre scorso, Angileri è stato arrestato per una violenta rissa scoppiata in famiglia, finita con feriti talmente gravi da dover ricorrere alle cure ospedaliere. La rissa si verificò nel villaggio popolare di Amabilina e assieme a lui vennero arrestati per rissa altri tre suoi parenti, uno zio e due fratelli. Dopo la ricostruzione degli eventi ed il rito direttissimo per Giovanni Angileri era scattata la custodia cautelare in carcere.

Nessun commento:

Posta un commento