sabato 1 febbraio 2014

UNA DECINA GLI INCENDI DOLOSI NEL TRAPANESE IN UNA SETTIMANA

Continua l'ondata di atti intimidatori ed incendi dolosi nel territorio trapanese. Prese di mira le città di
Trapani, Alcamo e Castelvetrano. In meno di quindici giorni si contano una decina di auto date alle fiamme di natura dolosa. All'alba di ieri, intorno alle 4.50, a Castelvetrano nella via Amerigo Vespucci, due vetture, regolarmente parcheggiate lungo la via, l'una di fronte all'altra, sono andate a fuoco. Si tratta di una Fiat Panda, intestata a A.M. e di una Renault Clio, di proprietà di G.M.L.. Sul posto si è reso necessario l'intervento dei Vigili del fuoco di Castelvetrano e dei Carabinieri che indagano sulla natura dell’incendio, probabilmente dolosa. Quasi contemporaneamente a 

Trapani, in via Della Zagara, veniva danneggiata da un incendio, di probabile origine dolosa, un Opel Meriba di proprietà di un pescivendolo di trent'anni. E' il quarto incendio nel corso dell'ultima settimana. Sull'episodio indaga la Polizia di Stato, che già la notte prima, sempre nel capoluogo trapanese, era intervenuta per un'altra auto data alle fiamme nel quartiere Fontanelle Sud, una Fiat Punto di proprietà di un muratore. Quarantotto ore prima del terzo atto incendiario nella frazione di Xitta, era stata incendiata una Bmw Serie 3 di proprietà di un altro muratore, mentre otto giorni fa, nel rione Cappuccinelli, erano andate a fuoco due auto di un altro commerciante del settore ittico. Sul posto i carabinieri avevano rinvenuto anche del liquido infiammabile. Nel corso della stessa notte, ad Alcamo, ignoti avevano appiccato le fiamme al portone di un'abitazione di proprietà di un dipendente di una ditta operante nel settore del legname. Tutti questi episodi sono preceduti da una serie di atti incendiari ed intimidatori subiti nella città di Matteo Messina Denaro. Protagonista sempre la notte. Dopo altre due auto date alle fiamme e dopo le bistecche nel letto dell'assessore Lombardo, è stato anche il turno dell'auto della compagna di un carabiniere in pensione. Ignoti, armati di fucile, hanno sparato in direzione dell'auto parcheggiata sotto l'abitazione, raggiungendo il finestrino che è andato in frantumi.

Nessun commento:

Posta un commento