mercoledì 4 dicembre 2013

NON 3 MA 10 ANNI DI FONDI PER LA STABILIZZAZIONE DI 18.500 PRECARI. CROCETTA HA STRAPPATO IL "SI" AI SINDACI.

Per i prossimi 10 anni i Comuni riceveranno fondi dalla Regione per la stabilizzazione dei precari. Dunque, almeno dal punto di vista finanziario, il percorso non sarà di tre, come ipotizzava il governo con la legge che sta per arrivare all'Ars, ma bensì di 10 anni. Il governatore ha strappato il sì dei sindaci al testo messo a punto dall'assessore agli Enti locali, Patrizia Valenti. Dopo il via libera di partiti e sindacati, adesso il testo che avvia proroghe triennali in attesa delle stabilizzazioni entro il 2016 è davvero blindato. Il piano prevede scatti per tutti i 18.500 precari degli enti locali la proroga del contratto almeno fino al 31 dicembre 2016. Una mossa che vale anche per i 780 in forza alla Regione, per i 2 mila in servizio nelle Asp e negli ospedali e per i 5.800 Asu (che incassano un assegno da 600 euro dall'Inps grazie a 36 milioni stanziati dalla Regione). Verrà costruito un bacino unico che permette di considerare ogni precario disponibile a qualunque posto si liberi in vista della stabilizzazione, che dovrà avvenire rispettando vuoti in pianta organica e vincoli di bilancio. L'operazione costerà almeno 264 milioni all'anno, 237 solo per i Comuni.

Nessun commento:

Posta un commento