venerdì 22 novembre 2013

FISICA: ZICHICHI, RECORD MONDIALE IN MISURA DEI TEMPI DI VOLO DELLE PARTICELLE SUBNUCLEARI

L'esperimento, condotto da un gruppo guidato dal professore Antonino Zichichi, è stato presentato oggi al
Centro Ettore Majorana di Erice. Il seminario di Studi, al quale partecipano scienziati e specialisti di 23 Istituti e 14 Nazioni (Austria, Bielorussia, Croazia, Cuba, Francia, Germania, Inghilterra, Iran, Italia, Portogallo, Russia, Spagna, Svizzera, USA), ha studiato il futuro tecnologico legato a come si riescono a misurare le più piccole quantità di tempo. Il nostro cuore batte al ritmo di un colpo ogni secondo. Il nostro cervello non riesce a "sentire" più nulla sotto il millesimo di secondo. Il record mondiale, ottenuto dal gruppo al CERN, nella misura dei tempi di volo delle particelle subnucleari, è 158 decimi di picosecondi. È una precisione mai raggiunta prima. Un picosecondo vuol dire un millesimo di miliardesimo di secondo. Queste misure hanno enormi conseguenze sia in medicina, sia nelle più svariate forme della tecnologia moderna, come la velocità dei calcolatori elettronici. Sta in queste ricerche il vero motore del progresso scientifico (prima), tecnologico (poi), infine industriale e civile. "Se smettessimo di studiare queste cose - ha dichiarato Zichichi- la tecnologia resterebbe bloccata a ciò che finora siamo riusciti a fare e i nostri posteri - anche fra mille anni - vivrebbero con gli stessi strumenti che noi abbiamo oggi. E' grazie a ciò che noi sappiamo scoprire e inventare che il futuro dell'umanità potrà avere una tecnologia più potente per il bene di tutti. Ecco perché - ha proseguito il fisico - è necessario dedicare alle frontiere del nostro sapere scientifico e tecnologico la massima attenzione. Non solo parlandone, ma realizzando progetti concreti come quelli che hanno permesso di toccare oggi, grazie al sostegno di tre Istituzioni, Cern, Infn e Centro Fermi, il record nella misura dei tempi che arriva ai millesimi di miliardesimi di secondo".

Nessun commento:

Posta un commento