domenica 10 novembre 2013

TRAGEDIA NEL CATANESE. GIOVANE 21 ENNE MUORE SCHIACCIATO DA ENORME MASSO

Il fato cinico ha voluto che un giovane di Adrano, Antonio Caudullo, 21 anni appena, in un istante di riposo venisse travolto da un masso enorme, pesante oltre una tonnellata, che si è staccato accidentalmente da una parete rocciosa, e finisse schiacciato. Una tragedia immane. Non ci sono altre parole per spiegare quanto accaduto ieri pomeriggio ad Adrano in contrada Lavazzi. Un dramma che si è compiuto al termine di una mezza giornata spensierata nel corso della quale il giovane si era recato tra gli arbusti d’ulivo della campagna per raccogliere olive. Con lui c’erano i genitori e la fidanzata. Da una prima ricostruzione sembra che il giovane si fosse appoggiato casualmente sul masso che si è staccato e rotolando ha travolto il ragazzo per schiacciarlo inesorabilmente. Antonio Caudullo si era seduto sopra quell'enorme masso per riposarsi qualche istante dopo ore passate a lavorare sodo. Ma il destino tragico e beffardo si è fatto trovare pronto dietro l’angolo. Una fine assurda per la quale i familiari, gli amici non riescono e non possono darsi pace: "Ancora adesso non posso crederci. Mi dispiace tantissimo. Non si può morire così", scrive un'amica su Facebook. Ed ancora: "Una fine assurda, non è giusto. Se n'è andato un angelo". Sul posto sono intervenuti i carabinieri e gli agenti del Commissariato di Adrano e i vigili del fuoco del Comando provinciale di Catania. Quando i soccorritori sono arrivati, chiamati dai medici del 118, in quanto ogni tentativo di soccorso si era reso vano, nonostante l’arrivo dell’eliambulanza, ai vigili non è rimasto che estrarre il corpo senza vita del giovane sfortunato. C'è tanta incredulità tra chi conosceva Antonio. Incredulità mista a rabbia per quello che è accaduto in una giornata che doveva essere tradizionalmente allegra e che, invece, si è tramutata in una insanabile tragedia. 

Nessun commento:

Posta un commento