mercoledì 13 novembre 2013

PROVERBIO DEL GIORNO... (U surci dici o scravagghio ...)

U surci dici o scravagghio:
"Nuddru s'arricchisci co so travagghiu!"
IN DIALETTO NISSENO
Il topo dice allo scarafaggio:
"Nessuno si arricchisce con il suo lavoro!"

Tipico proverbio per dire che difficilmente ci si può arricchire senza aiuto. Con il proprio lavoro si può solo portare avanti la "carretta" ma è difficile mettere soldi da parte ed arricchirsi, quindi ci vorrebbe un aiuto che ovviamente dovrebbe essere disinteressato, senza pretese economiche. Qualcuno che dia un'idea, una "dritta" che faccia cambiare la rotta. Molte volte accade che siamo talmente intenti a tirare la carretta e alla quotidianità delle azioni che non vediamo oltre. Potrebbe essere uscito un bando che potrebbe dare "ossigeno" alla nostra piccola impresa, ma essendo troppo intenti e concentrati sul nostro lavoro, non pensiamo nemmeno che quell'avviso, quel bando o quel concorso potrebbe cambiarci (momentaneamente) la vita. Basterebbe un amico, un conoscente, qualcuno che ci avvisasse e se poi il progetto passa (se si parla di azienda) o si vince il concorso (se si parla di singolo individuo) allora potremmo essere più sereni per portare a termine altri obiettivi. Io personalmente per dare un senso, a i giorni nostri a questo tipico detto, direi "E' inutile che speri di vincere il Superenalotto e sogni di comprare con quella vincita la casa se non vai mai a giocare i numeri!". 
Tornando al proverbio, oggi come oggi, è difficile che ci arrivi un aiuto disinteressato, ognuno ha i suoi guai e già è assai se pensa a se stesso, quindi vi do un ...
Suggerimento
La sera quando pensate che la giornata è conclusa e siete prossimi ad andarvi a coricare, dedicate quindici minuti per fare una ricerca sul web, parola chiave "bandi e concorsi", non si sa mai, potrebbe esserci quello che fa per voi. 
A me è successo di trovare un avviso indetto da una scuola che cercava un esperto laureato in Scienze della Comunicazione ed il bando scadeva l'indomani a mezzogiorno. Ho protocollato la domanda dieci minuti prima che scadesse e alla fine non solo sono stata presa ma ho scoperto che a quel bando oltre a me aveva partecipato solo una persona. Questo anche per dirvi che a volte pensiamo di non muoverci proprio, "tanto, pensiamo, chissà quanti avranno fatto la domanda e io che possibilità ho?". 
Un anno al Teatro Massimo di Palermo c'erano le selezioni per assumere un sarto, ma alla scadenza non si era presentato nessuno. 
Ricordate sempre: "Aiutati che Dio ti aiuta" e non perdete mai la fiducia in voi stessi.  

Nessun commento:

Posta un commento