sabato 16 novembre 2013

PROVERBIO DEL GIORNO ... (P’un cur....)

P’un curnutu un curnutu e mienzo!
IN DIALETTO PALERMITANO
Per un cornuto un cornuto e mezzo!

Il detto popolare non vuole essere di offesa a nessuno. "Curnutu" non è solo un infelice marito di donna adultera. In effetti ci sono cornuti e cornuti, corna e corna. Selve di corna, con significati anche opposti. Cornuto, come vuole il dizionario, significa che è munito di corna. D’altra parte cornuti lo sono anche crastuna e babbaluci, due tipi di lumache, i "babbaluci" sono piccoline, mentre i "crastuna" sono per grossezza molto simili alle escargot francesi. Etimologicamente la parola viene dal latino "cornūtus" che deriva da "cornu" cioè "corno". Poi c'è il "crastu", l'ovino castrato, che nel gergo comune, quando viene riferito ad una persona, vuol dire che è un tipo scaltro, per capirci, la simpatica canaglia. Uno di quei casi di autocompiacimento della "cornutaggine" è essere definiti "corna dure". Chi le ha preferisce vantarsene. Se uno è "corna dure" vuol dire che si spezza ma non si piega. Avere le corna, possibilmente "dure", significa essere caparbio, non arrendersi di fronte a nulla. In Sicilia "Curnutu" non è solo un insulto alla onorabilità di una persona, o una insinuazione di scarsa fedeltà della compagna. Il concetto è un po' più ampio. Intanto dipende molto dal tono con cui si dice. Se si dice in tono scherzoso un "cornuto" o un "cornutazzo" ci si sta riferendo ad un tipo in gamba, spiritoso, furbo. Certe volte c'è autocompiacimento a darsi del "cornuto". Il detto siciliano "per un cornuto, un cornuto e mezzo" è come a dire che per ogni azione c'è una reazione maggiore e contraria, in spregio alle leggi della fisica. Quando si subisce un torto da chi non ci si aspetta, si finisce per raddoppiare la dose, dimostrando che "se voglio posso diventare peggio di te". Per avere la meglio contro un "curnutu" diventa necessario essere dotati di una dose supplementare di "cornutaggine", ed in forma ovviamente intelligente essere, quindi, un "curnutu e menzu". Il vero paradosso si ha quando si ha a che fare con i soprusi subiti a causa di un "delinquente". Chi si oppone ad un delinquente è un "gran cornuto", perché non gli viene riconosciuto il diritto di opporsi. Ma chiedere ad un delinquente onestà intellettuale è chiedere troppo.
Dopo aver spiegato il detto, restiamo ancora su questo termine. A che ci siamo lo spieghiamo in tutte le salse. Se il tono è incazzato allora è un insulto, ma non sempre nel senso di infedeltà, bensì si da del cornuto a colui che osa frapporsi fra l'insultante ed un suo scopo, lecito o illecito. Di solito per un automobilista tutti gli altri automobilisti sono cornuti per definizione. Solo per il fatto di stare lì, per strada, per nulla pronti a fermarsi per farlo passare.Talvolta l'insulto è esteso anche alla progenie e ai consanguinei: "Curnuto tu, e tutta a to' razza" (Cornuto tu, e tutta la tua progenie). Il massimo si raggiunge quando si chiede anche partecipazione: "Curnuto tu, e cu' un tu dici pure!" (Cornuto tu e anche chi non te lo dice). E a quel punto scatta il coro di chi, non volendo sfigurare, partecipa rafforzando: "CORNUTO!". 

Tanto per essere sempre informati, dopo aver ricordato quanti significati assume la parola "curnutu" in Sicilia, ho ricercato il termine negli altri due dialetti più conosciuti in Italia, ossia in Campania e nel Lazio, è ho trovato, tanto per chiudere simpaticamente, vari tipi di corna ma solo in un senso.

Vari tipi di corna a Napoli

1) Corne 'e sore so' corne d'oro; 
2) corne 'e pariente so' come 'argiento; 
3) corne 'e mugliere so' corne ovère; 
4) corne 'e 'nammurate, corne arraggiate; 
5) corne 'e marite, corne sapurite

Vari tipi di corna a Roma:

1) Becchi: so' quelli che nun ce lo sanno d'essece; 
2) cuccubboni: ce lo sanno e tireno a campa' pe' quieto vive; 
3) er beccone: ce magna sopra; 
4) er tribecco: è quello che porta l'amico a casa sua e se squaja co' na scusa; 
5) er calidone: è quello che porta lo stendardo ne' la processione de San Martino, lo stesso che accompagna la moje a casa de l'amico.

Nessun commento:

Posta un commento