giovedì 14 novembre 2013

PROVERBIO DEL GIORNO ... (Cu s'affuca chi sò ...)

Cu s'affuca chi sò manu, nun c'è

nuddu ca u chianci. 
IN DIALETTO CATANESE
Chi si affoga con le sue mani, non c'è nessuno che lo piange.

I proverbi costituiscono l'anima di un Popolo. Essi sono l'espressione più breve per descrivere una sapienza millenaria attraverso poche semplici frasi. Oggi non avrei voluto mettere alcun proverbio, ma la cronaca delle ultime ore mi ha portato a scegliere tra tanti proprio questo proverbio, perché ci sono fatti che accadano che, dalla tristezza ed amarezza per un destino crudele, ti portano, dopo aver appreso dagli aggiornamenti il perché potrebbero essere avvenuto, ad avere "rabbia", perché forse poteva non accadere. Vado sul generico, evitando di entrare sullo specifico, perché ciò che vi sto per raccontare a corredo del proverbio, è già accaduto in passato, accade e se non si mette "giudizio" accadrà ancora. Quando si dice che "Se uno si strozza con le proprie mani, non c'è nessuno che piange per lui", pensavo fosse una crudeltà, in quanto può capitare che uno senza "mangiare e bere", cioè senza capirci niente in una determinata situazione, si affossa da solo, come si suol dire, "dandosi la zappa sopra i piedi". Quello che la cronaca di oggi mi insegna è che i proverbi non sbagliano mai, e vi spiego il perché. Quando in un incidente stradale muoiono delle persone ed il conducente riporta traumi gravi, tanto da finire in coma, tutti piangono per lui e pregano che si riprenda, in quanto l'incidente si pensa non sia stato causato per colpa sua, ma dovuto ad un animale che ha tagliato la strada, o alla pioggia battente che ha reso l'asfalto viscido, oppure la causa è dovuta all'altro mezzo che ti è arrivato di sopra riducendo tutto in lamiere e provocando la morte istantanea dei propri cari. Quando però dagli accertamenti effettuati si scopre che l'incidente potrebbe essere stato causato per colpa sua, perché da "incosciente" si è messo alla guida con alcool o droga nelle vene, o ancor peggio di entrambi, trasformandosi da vittima in possibile assassino, allora ... si attenderà il suo risveglio per comprendere cosa sia veramente successo.

Nessun commento:

Posta un commento