martedì 5 novembre 2013

PADRE GLI ROMPE LA PLAYSTATION E 13 ENNE SI GETTA DAL 4° PIANO

Un tredicenne si è buttato dalla finestra del quarto piano dopo un severo rimprovero del padre e soprattutto dopo che il genitore  infuriato,  per le tante ore passate davanti ai videogiochi invece di studiare, come punizione gli ha rotto la Playstation. Troppo per un ragazzino di 13 anni di Bergamo che così ha tentato il suicidio gettandosi dalla finestra della sua casa del palazzo dove abitava. Il ragazzo nella caduta ha riportato gravi fratture in tutto il corpo ma non sarebbe in pericolo di vita, ora è ricoverato in terapia intensiva all'ospedale di Bergamo. Secondo una prima ricostruzione dei fatti sembra che in casa sia scoppiata una discussione tra il padre e il 13 enne a causa del suo scarso rendimento scolastico al termine della quale il genitore avrebbe imputato il tutto alla consolle dei videogiochi e così ha deciso di romperla. In pochi attimi la situazione però è degenerata perché il ragazzino ha reagito in malo modo, si è recato nella sua stanzetta, ha aperto la finestra del balcone al quarto piano di un palazzo nella periferia della città e si è gettato di sotto piombando nel cortile sottostante dopo aver fatto un volo di dodici metri. Fortunatamente non è morto, ma ha riportato gravi fratture in tutto il corpo. 

Nessun commento:

Posta un commento