sabato 9 novembre 2013

CASO DENISE. PROCURA DI MARSALA E PARTE CIVILE CONTRO LA SENTENZA D'ASSOLUZIONE DI JESSICA PULIZZI

Sono stati depositati questa mattina gli atti di appello contro la sentenza del tribunale di Marsala che lo scorso 27 giugno, al termine del processo di primo grado, ha assolto Jessica Pulizzi dall'accusa di concorso in sequestro di minorenne nell'ambito del processo sul rapimento di Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004. L'avvocato Giacomo Frazzitta, in rappresentanza della madre di Denise, Piera Maggio, ha presentare l’atto di impugnazione della sentenza per la parte civile. Anche la Procura di Marsala ha proposto oggi appello contro la sentenza di assoluzione di Jessica Pulizzi. I ricorsi sono stati depositati presso la cancelleria della Procura generale della Corte d’appello di Palermo. L'imputata, 26 anni, figlia dello stesso padre di Denise, Piero Pulizzi, è stata assolta "per non aver commesso il fatto", ma con la formula del secondo comma dell'articolo 530 del codice di procedura penale, cioè per "mancata o insufficiente formazione della prova". Per Jessica Pulizzi, i pubblici ministeri Francesca Rago e Sabrina Carmazzi avevano invocato la condanna a 15 anni di carcere. Per false dichiarazioni al pm, il Tribunale condannò, invece, a 2 anni di reclusione Gaspare Ghaleb, 28 anni, ex fidanzato di Jessica. Il 30 ottobre scorso sono state rese note le motivazione di quella sentenza di primo grado a cui hanno proposto appello sia il legale di parte civile che la procura di Marsala. "Costrutto accusatorio - si legge nelle motivazioni - sorretto da un numero modesto di elementi indiziari, ciascuno peraltro connotato da forte ambiguità; intrinsecamente caratterizzato da non trascurabili momenti di inverosimiglianza e convivente con molteplici ipotesi alternative". È uno dei passaggi delle oltre 250 pagine che compongono il faldone con cui il tribunale di Marsala, presieduto dal giudice Riccardo Alcamo, a latere Gianluigi Visco e Omar Modica, ha motivato la sentenza di assoluzione per Jessica Pulizzi. Di quelle motivazioni sia la Procura di Marsala che la parte civile non ha rilasciato alcuna dichiarazione. Ultimamente l'avv. Giacomo Frazzitta comunica solo tramite il suo profilo di facebook. Presto sulla vicenda giudiziaria del rapimento della piccola Denise Pipitone potrebbe aprirsi, con la celebrazione del processo d'appello a Palermo, il secondo atto.
di Irene Cimino per

Nessun commento:

Posta un commento