lunedì 25 novembre 2013

14 ENNE VIOLENTATA DA UN BRANCO DI 10 PERSONE, 4 SONO STATI ARRESTATI DAI CARABINIERI A MOLFETTA

Stuprata in gruppo, più e più volte. Quattro giovani sono stati arrestati dai Carabinieri a Molfetta perché
accusati di avere fatto parte di un branco di una decina di persone che ha violentato in varie e ripetute circostanze una ragazza di 14 anni. Le indagini, coordinate dalla procura di Trani proseguono per identificare gli altri presunti componenti del gruppo. Gli inquirenti ritengono di avere acquisito un quadro indiziario gravissimo a carico degli arrestati. Non c'è giornata mondiale della violenza contro le donne che tenga. Ogni giorno arrivano notizie di maltrattamenti di ogni tipo ai danni di donne di tutte le età e anche oggi è così.
La ragazzina di 14 anni di Molfetta per mesi, tra la primavera e l'estate di quest'anno, ha subito violenze da un gruppo di una decina di uomini, tre minorenni, tutti gli altri di età compresa tra i 18 e i 24 anni. La vittima ha trovato finalmente il coraggio di denunciare le violenze che subiva. Secondo quanto accertato dai Carabinieri infatti, la ragazzina sarebbe stata violentata più volte e minacciata affinché non rivelasse a nessuno quello che le facevano e continuasse a subire senza fiatare, ma alla fine non ce l'ha fatta più e ha sporto denuncia. La procura di Trani è così riuscita ad arrivare all'arresto di quattro dei componenti del gruppo di stupratori, ma ne mancano ancora altri e per questo le indagini proseguiranno, coordinate dal magistrato Mirella Conticelli che oggi terrà una conferenza stampa con il procuratore aggiunto Francesco Giannella. Secondo quanto rivelato dagli inquirenti, il quadro indiziario a carico degli arrestati, che devono rispondere di stupro di gruppo e sequestro di persona, il tutto aggravato dal fatto che la vittima fosse minorenne, è gravissimo, ma intanto i quattro sono agli arresti domiciliari. A distruggere l'esistenza della quattordicenne di Molfetta pare sia stato un falso profilo sul noto social network ad innescare la spirale di violenza.

Nessun commento:

Posta un commento