giovedì 31 ottobre 2013

SGOMINATA BANDA DEDITA ALLA TRATTA DI GIOVANI MINORI. COINVOLTI I TERRITORI DI TRAPANI, PALERMO E BRESCIA

I Militari della Compagnia Carabinieri di Carini, supportati dai colleghi del Gruppo di Palermo e dei Comandi Provinciali di Brescia e Trapani, hanno eseguito diverse ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip di Palermo su richiesta dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia. I reati contestati sono quelli di associazione a delinquere finalizzata al compimento di vari reati tra cui tratta di persone, sequestro di persona e sottrazione e trattenimento di giovani all'estero. Il reato associativo è aggravato dal fatto che l'organizzazione era impegnata in attività criminali in più di uno Stato. Le indagini hanno consentito di individuare un'organizzazione operante in diversi Paesi (Tunisia, Cipro, Egitto, Libano, ecc.) dedita al "recupero" di figli contesi tra genitori di differente nazionalità, con la pianificazione e l'esecuzione di veri e propri sequestri di persona, spesso con l'uso della violenza. Sono almeno quattro i sequestri accertati, di cui uno non riuscito, ma non è escluso che il numero sia più consistente. La base dell'organizzazione era a Carini. C'è anche un mazarese, Antonio Barazza, di quarantasei anni, tra le sette ordinanze cautelari eseguite all'alba dai militari. Tra le persone coinvolte una ex atleta russa, vincitrice di medaglia di bronzo nella vela alle olimpiadi di Seul 1988, titolare di società di noleggio barche di lusso di Palermo.

Nessun commento:

Posta un commento