lunedì 7 ottobre 2013

SCOPERTO "AGRITURISMO" DELLA MARIJUANA, OLIO E GRAPPA LE SPECIALITÀ AROMATIZZATE. ARRESTATO COLTIVATORE DIRETTO

Un coltivatore diretto della provincia di Pesaro Urbino si era specializzato nel coltivare cannabis indica tanto da gestire l'intera filiera con alcune specialità come olio e grappa aromatizzati alla marijuana. I carabinieri della Stazione di Saltara da tempo erano alla ricerca della 'villa', un luogo conosciuto da giovani e giovanissimi dove recarsi per rimediare marijuana e hascisc. Acquisite informazioni e pedinati i clienti abituali, i militari hanno individuato una villetta situata a Cartoceto. Fatta irruzione e identificato il proprietario, M. P., un fanese di 27 anni, è stata effettuata la perquisizione personale e locale. Immediatamente sono stati rinvenuti 340 grammi di marijuana e alcune piante appese ad essiccare. Proseguendo, sono saltati agli occhi alcuni involucri contenenti canapa semilavorata utile ad essere trasformata in hascisc. Intuendo vi fosse un laboratorio, si è passati ad ispezionare i locali adiacenti l’abitazione. Mai i militari avrebbero pensato di trovare tutta una strumentazione così sofisticata utile alla lavorazione della canapa indiana. Difatti il ragazzo era in grado di curare in proprio l’intera filiera, dalla coltivazione, alla trasformazione sino alla vendita del prodotto finito. Un gran quantitativo di piante è stato messo in alcune bacinelle con acqua per macerare. Successivamente il prodotto veniva filtrato ed essiccato grazie ad alcune lampade in ambiente protetto. Tra le sue specialità vi era anche l’olio e una grappa 'aromatizzata' alla marijuana. Il piccolo coltivatore diretto ha 'rassicurato' i carabinieri circa il considerevole fatturato della sua azienda, affermando di aver terminato il prodotto in quanto in procinto di recarsi in Inghilterra. Affermava di aver trovato le istruzioni, gli schemi elettrici e le attrezzature più sofisticate navigando su internet. L'uomo però è stato scoperto dai carabinieri di Fano al termine di una lunga indagine ed è finito in manette. I militari dell'arma da tempo erano alla ricerca della “villa” così come veniva definito il luogo in cui il 27 enne coltivava marijuana e diventata molto celebre tra i giovani della zona che si rifornivano di continuo.

Nessun commento:

Posta un commento