martedì 1 ottobre 2013

NIPOTE NELLA CASA DELLA NONNA A CARINI TROVA PIANTAGIONE DI CANNABIS

Va dopo mesi nella casa di villeggiatura, a Carini, in provincia di Palermo, e trova una piantagione di cannabis. La nipote della proprietaria 88 enne, aperta la porta, ha visto fuggire due sconosciuti di età compresa tra i 25 e i 30 anni. I due ignoti coltivatori di cannabis si erano appropriati di una casa vacanza e avevano realizzato nel soggiorno un essiccatoio artigianale di piante di mariujana. I due malviventi erano riusciti ad entrare nell’abitazione di via Cozzo Lupo a Carini praticando un foro nella porta di ingresso. Sicuramente erano a conoscenza che la casa fosse poco frequentata dai proprietari, gli stessi che sabato pomeriggio entrando nella loro residenza di campagna, hanno trovato i due sconosciuti che si sono dati alla fuga, così hanno richiesto l’intervento dei carabinieri della compagnia di Carini. Giunti sul posto i militari hanno rinvenuto numerose piante di cannabis indica in fase di essiccazione. La mariujana era appesa a dei fili di ferro fissati lungo le pareti del soggiorno al piano terra della casa, mentre al secondo piano i due “coltivatori di erba” avevano già cominciato a sistemare altri fili di ferro. I proprietari dell’immobile, che hanno denunciato i fatti ai carabinieri, hanno spiegato che la casa era disabitata da diversi mesi e pertanto non erano in grado di ipotizzare da quanto tempo i due sconosciuti ne avessero preso possesso per i loro scopi illeciti. I militari dell'Arma, durante il sopralluogo, hanno sequestrato ben 69 chili di droga. Le indagini sono in corso alla ricerca dei due malviventi. Il comando provinciale dei carabinieri di Palermo, dato quanto accaduto, invita i cittadini a controllare periodicamente le case di vacanza.

Nessun commento:

Posta un commento