giovedì 10 ottobre 2013

MAFIA. CANDURA "PICCHIATO DALLA MOBILE PER CONFESSARE FURTO DELLA 126", QUELLA UTILIZZATA COME AUTOBOMBA PER STRAGE VIA D'AMELIA

"Mi massacrano, mi fracassarono. Un poliziotto mi fece sbattere la testa a terra mentre io piangevo". E'
quanto ha dichiarato Salvatore Candura, ex collaboratore di giustizia, sentito oggi in aula, dalla Corte di assise di Caltanissetta nel processo "Borsellino quater", sostenendo di essere stato picchiato dopo il suo arresto. Candura, arrestato il 5 settembre del 1992 con Luciano e Roberto Valenti per violenza sessuale, ha detto di essere stato malmenato, perché l'allora dirigente della Squadra Mobile di Palermo, Arnaldo La Barbera, voleva fargli confessare il furto della 126, utilizzata poi come autobomba per la strage di via d'Amelio, oltre che la violenza sessuale. "Sarò la tua ossessione, mi diceva Arnaldo La Barbera. Ti farò dare l'ergastolo. Ti incastrerò - ha riferito Candura su il dirigente - perché ho le prove". Il teste continua su quell'episodio riferendo "Io continuavo a proclamarmi innocente. Con il furto della 126 - ha raccontato il teste - non c'entravo nulla, cosi' come non c'entravo nulla con l'accusa di violenza sessuale. Ero un galantuomo e mai e poi mai avrei potuto abusare di una ragazza così come non sapevo nulla di quella 126". Secondo quanto ha riferito Candura, che all'epoca rubava auto su commissione dei fratelli Scarantino, e in particolare di Vincenzo, il falso pentito di via D'Amelio, la proprietaria della Fiat 126, Pietrina Valenti, sorella dei due indagati per violenza sessuale con l'ex pentito, dopo aver subito il furto dell'utilitaria si rivolse appunto a lui perché gliela facesse ritrovare. "Quell'auto -ha riferito Candura - la cercai dappertutto. Quando dissi a Pietrina Valenti di non averla trovata lei mi minacciò, sostenendo che si sarebbe recata dai carabinieri e mi avrebbe accusata del furto della sua auto".


Nessun commento:

Posta un commento