giovedì 3 ottobre 2013

STRAGE A LAMPEDUSA. IL BILANCIO PROVVISORIO E' DI 93 VITTIME E ALMENO 250 DISPERSI

Naufraga un barcone a pochi metri dalle coste di Lampedusa. Sono già stati recuperati 93 corpi, tra cui una donna incinta e quattro bambini, ma il bilancio sembra tuttavia essere destinato ad aumentare. 40 corpi individuati sotto barcone dai sommozzatori. Uno scafista è stato fermato. Tre pescherecci avevano avvistato il barcone ma non si sono avvicinati.  Domani lutto nazionale

Un barcone carico di migranti è naufragato a Lampedusa, nei pressi dell'Isola dei Conigli. Secondo le prime
informazioni, vi sarebbero molti morti: dieci corpi sono già stati recuperati dal mare. Tra di loro anche una donna incinta. Per il recupero dei cadaveri stanno partendo dall'isola anche alcuni pescherecci e barche da diporto private. Intanto, in salvo sulla terraferma sono arrivati già 120 migranti. Secondo le testimonianze di alcuni soccorritori del barcone naufragato vi sarebbero ancora in acqua centinaia di persone. L'allarme del naufragio è stato dato dall'equipaggio di due pescherecci che transitavano nella zona. Sul luogo del naufragio si trovano due motovedette, una della Guardia Costiera e una della Guardia di Finanza. Elicotteri e mezzi aerei stanno sorvolando sulla zona del naufragio. Secondo le prime informazioni raccolte sulla banchina del porto di Lampedusa il barcone che è naufragato a circa mezzo miglio dall'isola dei Conigli trasportava circa 500 migranti. Lo ha detto all'ANSA il commissario straordinario dell'Asp di Palermo, Antonio Candela, che sta coordinando le operazioni di assistenza ai feriti. Fino ad ora sono giunti in porto 78 naufraghi tratti in salvo dalle motovedette e da alcune barche di diporto che stanno partecipando ai soccorsi. "La situazione appare gravissima - ha detto a Si24 il sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini - è una tragedia che ci ha profondamente colpiti. Le condizioni dei migranti, tutti provenienti dall'Africa subsahariana sono gravissime". Il sindaco ha riferito anche che la causa della tragedia pare sia un incendio sulla barca su cui viaggiavano i migranti che si sono gettati in acqua per cercare la salvezza. "Il nostro centro di prima accoglienza è al collasso - conclude Nicolini - qualcuno dovrà aiutarci". Oltre al barcone con centinaia migranti naufragato nei pressi dell'isola dei conigli a Lampedusa è approdata in nottata un'altra 'carretta' con altri 463 extracomunitari. I profughi sono stati trasferiti nel Centro di prima accoglienza che già ieri ospitava oltre 700 persone. Soltanto pochi giorni fa, in un naufragio sulle costa di Scicli, nel Ragusano, erano morti annegati 13 migranti.

da

AGGIORNAMENTI

10.00 Il sindaco ha aggiunto dettagli alla terribile tragedia: "I morti in tutto sono 25. Sul barcone in tutto c'erano 500 persone, in quel caso è normale che basta un niente", poi la notizia: "Uno scafista, un tunisino, è stato arrestato". Ancora però non ci sono elementi per ricostruire la dinamica della vicenda, ma in mare ci sarebbero ancora corpi da recuperare: tra le vittime, due bambini.

10.15 Il bilancio delle vittime sale vertiginosamente: almeno 30 i morti a Lampedusa

10.20 Le vittime accertate sono 50, ma il sindaco di Lampedusa lancia un grido di dolore: "Se è vero che erano in 500 sul barcone e in salvo sul molo ce ne sono soltanto 130, è un orrore. Basta! Ma cosa aspettiamo? Cosa aspettiamo oltre tutto questo? E' un orrore continuo".

10.34 Soccorritori in lacrime, il bilancio continua a salire: 70 i corpi recuperati. A mezzo miglio dall'Isola dei Conigli le operazioni sono frenetiche. Salvate al momento 142 persone.

10.47 Il numero delle persone tratte in salvo è 150. All'appello mancherebbero più di 200 migranti.

10.50 La prime ipotesi prende forma: per farsi notare dall'isola hanno dato fuoco ad una coperta: questa, secondo quanto riferito dai carabinieri, potrebbe essere stata la causa dell'incendio che si é sviluppato sul barcone naufragato a Lampedusa.

10.54 Il barcone sarebbe partito dalla Libia

11.00 I corpi recuperati sono 82. 170 i migranti tratti in salvo: sul barcone i profughi erano soprattutto eritrei e somali. I superstiti sono in stato di choc e accusano sintomi di ipotermia per la permanenza in acqua.

11.03 I cadaveri si trovano al momento sul molo Favarolo ma saranno trasferiti nell'hangar dell'aeroporto: segno chiaro che il numero è destinato a crescere

11.20 Il sindaco Nicolini è provata e urla il suo pianto per queste morti: "Non finiscono mai di portare e scaricare morti" dice aggirandosi smarrita tra la fila di corpi che si allunga sempre di più. Con un filo di voce aggiunge: "Venite a vedere. È una scena impressionante".

11.25 Il ministro Alfano in partenza per Lampedusa. Annullata a Roma la conferenza del Consiglio dei ministri.

11.40 I migranti, sempre secondo quanto si è appreso, avrebbero dato fuoco alla coperta per farsi notare da un peschereccio che transitava nei pressi. Il fuoco si sarebbe poi propagato al barcone, incendiandolo, a causa di una perdita di carburante.

11.45 "Dal punto di vista dei numeri delle vittime è una tragedia senza precedenti. In tanti anni di lavoro qui non ho mai visto nulla di simile". Il medico responsabile del Poliambulatorio di Lampedusa Pietro Bartolo, commenta così l'ultimo naufragio avvenuto stamani davanti alle coste dell'isola. Sulla banchina del porto dell'isola si trovano numerose ambulanze, medici rianimatori e due sanitari della Guardia Medica, oltre al commissario dell'Asp di Palermo Antonio Candela che sta coordinando le operazioni. "Purtroppo non ci servono ambulanze - spiega Bartolo – ma carri funebri. Fino ad ora sono stati recuperati 83 cadaveri mentre i superstiti sono oltre 150. Tre di loro, uno dei quali in gravi condizioni, sono stati trasferiti d'urgenza al Pronto Soccorso ma le loro condizioni adesso sono stabilizzate. Ma il bilancio di questa tragedia, purtroppo, è destinato ad aggravarsi".

11.55 Potrebbero essere centinaia le vittime del naufragio avvenuto davanti alle coste di Lampedusa. All'appello, secondo i racconti dei superstiti raccolti da Pietro Bartolo, il medico responsabile del Poliambulatorio dell'isola, mancano infatti oltre 200 persone che risulterebbero disperse. Sul barcone, infatti, viaggiavano circa 500 persone.

12.16 - Il procuratore aggiunto, Ignazio Fonzo, il prefetto di Agrigento, Francesca Ferrandino, e il questore Mario Finocchiaro stanno partendo per Lampedusa "per dare gli impulsi dovuti all'indagine direttamente dall'isola". Non ci sono conferme ufficiali, ma pare che anche il capo della polizia sia in partenza per Lampedusa.

12.42 I corpi recuperati al largo dell'Isola dei Conigli sono 94. Quattro sono bambini.

13.20 I sommozzatori dei Vigili del fuoco sono partiti da Ciampino alla volta di Lampedusa per prestare soccorso e aiutare nelle operazioni di ricerca e recupero.

13.30 "Siamo partiti due giorni fa dal porto libico di Misurata. Su quel barcone eravamo in 500. Non riuscivamo nemmeno a muoverci. Durante la traversata tre pescherecci ci hanno visto ma non ci hanno soccorso", questi i primi racconti dei superstiti.

13.48 Il presidente della Regiona siciliana Rosario Crocetta è in partenza per raggiungere Lampedusa

14.30 I primi tre feriti della strage di Lampedusa stanno per arrivare all'ospedale Civico di Palermo con l'elicottero del 118. Sono tre donne, una di loro era stata data per morta e messa in banchina insieme alle salme. "Solo dopo ci siamo accorti che era viva e aveva ingerito nafta – dice Giuseppe Noto, direttore sanitario dell'Asp 6 - E' stata rianimata e trasportata in ospedale". Nell'elicottero c'è anche una donna incinta al settimo mese. Insieme a loro una bimba siriana arrivata la notte precedente alla tragedia.

Nessun commento:

Posta un commento