martedì 8 ottobre 2013

INDAGATO INGROIA PER FUGA DI NOTIZIE, DENUNCIATO DA BERNARDO PROVENZANO

Una nuova tegola sul capo di Antonio Ingroia. Dopo le grane per la sua presenza in aula, in qualità di
avvocato, senza avere prestato giuramento, adesso è indagato dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta per la fuga di notizie relativa alla pubblicazione dell'interrogatorio di Bernardo Provenzano. Tutto nasce dalla denuncia dei figli del boss di Bernardo Provenzano, Angelo e Francesco Paolo che, attraverso il loro legale, l'avvocato Rosalba Di Gregorio, avevano puntato il dito contro Ingroia e un altro ex procuratore aggiunto di Palermo, Ignazio De Francisci. L'interrogatorio reso in carcere dal padre finì sui giornali. "Solo Ingroia può averne rivelato il contenuto". L'ipotesi era violazione del segreto istruttorio. Le indagini dei pm nisseni hanno escluso responsabilità da parte di De Francisci, oggi avvocato generale, e si sono concentrate solo sulla figura di Ingroia. Soltanto l'ex pm, che prima ha tentato senza successo la sacalata politica e ora ha scelto di fare l'avvocato, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura nissena guidata da Sergio Lari, competente per i procedimenti a caricio dei magistrati in servizio a Palermo. Di più non trapela. Ingroia taglia corto: "Siamo nell'ambito della fantasia più totale". Il procedimento riguarda l'interrogatorio al quale fu sottoposto il padrino corleonese. Era il 31 maggio 2012. Ingroia e De Francisci incontrarono Provenzano in carcere. La notizia venne riportata dal Fatto Quotidiano il 5 giugno. Il verbale non era stato ancora trascritto. Sarebbe stato trasferito nero su bianco solo due giorni dopo, il 7 giugno. In cella c'erano solo i due pm e Provenzano. Non era stato informato, infatti, l'avvocato Di Gregorio. Da qui la denuncia del legale: solo i pm potevano avere raccontato i particolari dell'incontro alla stampa. Non era necessaria la convocazione perché, si difesero in Procura, il capomafia era stato sentito come persona informata sui fatti, e non come indagato, sul suo presunto tentativo di suicidarsi con un sacchetto di plastica. Di avviso opposto sia il difensore che il giudice per l'udienza preliminare del processo sulla trattativa, Piergiorgio Morosini, che dichiarò nullo l'interrogatorio: che c'entravano con lo stato di salute le domande sulla trattativa Stato-mafia, sui apporti con Vito Ciancimino, e l'invito, se tale fu, più o meno esplicito, a pentirsi? Provenzano in quella sede doveva essere sentito in qualità di indagato. E da Lampedusa Ingroia mimetizza la notizia, ribettendo: "lusinghiero essere denunciati dal boss Bernardo Provenzano...Non ho saputo nulla ma non posso pensare che i magistrati di Caltanissetta possano a loro volta avere commesso la violazione del segreto istruttorio". Lo ha detto l'ex Pm Antonio Ingroia, che si trova a Lampedusa dove ha annunciato di volere assumere la difesa dei profughi del naufragio di giovedì scorso indagati per immigrazione clandestina, dopo avere appreso la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati della Procura di Caltanissetta per fuga di notizie. "L'unica cosa vera - ha aggiunto - è che mi hanno denunciato il difensore di Provennzano ma anche altri imputati come Contrada, Dell'Utri, Berlusconi. Venni pure indagato dalla Procura di Caltanissetta, e tutte le denunce sono state archiviate. D'altro canto sono stato denunciato dal difensore di uno stragista come Provenzano, mio imputato in alcuni processi. Insomma, il solito sistema degli imputati di cercare di rovesciare la frittata per mettere sul banco degli imputati i loro accusatori".
di Riccardo Lo Verso per 



Nessun commento:

Posta un commento