domenica 29 settembre 2013

PROVERBIO DEL GIORNO ... (a notti spaddu l'ogghiu ... o ionnu non ni vogghiu ...)


























a notti spaddu l'ogghiu ... 
o ionnu non ni vogghiu ...
IN DIALETTO CATANESE
la notte spreco l'olio ... il giorno no ne voglio ...
Il detto è antico e risale a prima che Edison inventasse la lampadina. Un tempo per fare luce la sera oltre a le candele c'erano le lampade al olio. E se la notte piuttosto che andare a dormire si stava alzati ovviamente si sprecava l'olio della lampada. Apro un inciso per il risparmio in bolletta. Oggi conviene fare le cose di notte, come attaccare la lavatrice, la lavastoviglie oppure stirare, ecc., in quanto la fascia di maggior risparmio con l'Enel, fascia3, è dalle ore 23.00 alle 7.00 del mattino e la domenica è tutto il giorno. Ma veniamo alla morale di questo antico modo di dire. Oggi si usa per chi di giorno sta a poltrire nel letto e la notte fa il "sonnambulo". In particolare lo usiamo con i figli che passano le nottate su facebook e via dicendo e la mattina dormono sino all'una. E poi non ci limitiamo a dirgli solo questo, ma anche "cu dormi un pigghia pisci" (chi dorme non prende pesci), o ancora: "a matinata fa a jurnata" (la mattinata fa la giornata). Ovviamente, iniziando la giornata di buon mattino si ha più tempo e quindi la possibilità di fare tante cose. 

Nessun commento:

Posta un commento