martedì 3 settembre 2013

MALTRATTA IL PADRE 80 ENNE VIOLANDO LE PRESCRIZIONI IMPOSTE. I CARABINIERI METTONO FINE ALLE CONDOTTE VIOLENTE ...

Fabrizio Ebole, quarantenne trapanese, residente ad Erice, nella frazione di Napola, noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato, dai carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Trapani, nuovamente con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. In diverse occasioni, spesso in preda ai fumi dell’alcool, avrebbe malmenato il padre ottantenne, provocandogli a volte delle lesioni e distruggendo anche arredi e suppellettili della sua abitazione, sempre per motivi assai futili. A mettere fine a questi maltrattamenti sono stati i carabinieri chiamati ad intervenire sul posto, come altre volte, a calmare la furia del quarantenne contro l'anziano genitore. I militari, oltre a svolgere un arduo compito di mediazione tra le parti, avrebbero raccolto tutta una serie di “elementi sulle condotte violente ed illecite di Ebole tanto da richiedere l’aggravamento della misura cautelare con il trasferimento in carcere”. Sulla base di analoghi e ripetuti episodi, alcuni mesi prima degli arresti domiciliari, avvenuti nel maggio scorso, Fabrizio Ebole era stato sottoposto a una prima misura di sicurezza, con il divieto di avvicinarsi all'abitazione familiare. Ma quell'ordine non sarebbe bastato a fermare il quarantenne che, anzi, violando le prescrizioni imposte, si sarebbe reso responsabile, continuando senza farsi scrupoli, di altre percosse nei confronti dell'anziano genitore. L'autorità giudiziaria, sulla base del rapporto dei carabinieri, ha disposto un aggravamento della misura cautelare, emettendo un provvedimento restrittivo che impone al quarantenne di restare recluso in carcere. Ebole è stato quindi rintracciato dai carabinieri a Custonaci, dove nel frattempo era domiciliato. Dopo le formalità di rito, il recidivo è stato trasferito presso la casa circondariale di San Giuliano a Trapani, in attesa di dover rispondere dinanzi all'autorità giudiziaria del reato continuato di maltrattamenti in famiglia.

Nessun commento:

Posta un commento