sabato 7 settembre 2013

AVVOLTA NEL MISTERO LA MORTE IMPROVVISA DI UNA COPPIA DI GIOVANI TURISTI INGLESI TROVATI ANNEGATI A TRE FONTANE

Tragico fine settimana per la morte di due giovani, turisti stranieri, trovati in mare in località Tre Fontane,
frazione balneare di Campobello di Mazara. I cadaveri di un uomo e una donna, di carnagione chiara, di età apparente di 25 anni lei e 35 anni lui, sono stati recuperati oggi pomeriggio tra il Lido Melagodo e la Loggia, di fronte la via Mangiagli. I corpi erano non molto distanti dalla battigia. A lanciare l'allarme, intorno alle 15.00, è stata una bagnante che, dopo avere visto i corpi galleggiare a poca distanza uno dall'altro, con le urla ha fatto accorrere due giovani del luogo che hanno avvisato le forze dell'ordine. I due turisti, alti all'incirca 1 metro e 80 lui e 1,60 lei, che erano andati a fare il bagno in un tratto di spiaggia libera, erano stati notati da alcuni bagnanti, poco prima del decesso, giocare tranquillamente in acqua vicino la battigia. Nel loro zaino, trovato sulla riva, non c'erano documenti di riconoscimento né chiavi di mezzi di locomozione, ma soltanto qualche opuscolo in inglese. 
Sul posto sono giunti i carabinieri, coordinati dal comandante la Compagnia di Mazara, Cap. Manzo, e dagli uomini della Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo. Gli investigatori hanno tentato di risalire alla loro identità cercando negli alberghi circostanti e in poche ore sono risaliti all'identità dei due giovani, entrambi di nazionalità inglese, dei quali non vengono ancora fornite le generalità, alloggiati a casa di alcuni privati. Secondo una prima ipotesi del medico legale, il decesso di entrambi sembra sia dovuto ad annegamento. Forse i due giovani hanno mangiato poco prima di fare il bagno, ma si profila anche l'ipotesi di un suicidio. In quanto se uno dei due si fosse sentito male e l'altra fosse accorsa in suo aiuto, avrebbe sicuramente fatto in modo di attirare l'attenzione. L’autopsia è stata programmata per domani e spetterà al medico legale accertare se la causa della morte dei due giovani bagnanti sia stata provocata da un malore improvviso, dovuto ad una congestione. I carabinieri di Campobello, sotto le direttive della Procura, stanno raccogliendo tutti gli elementi utili a completare le generalità delle due vittime per poter comunicare il tragico evento ai familiari. Le due salme sono state trasferite all'obitorio del cimitero di Castelvetrano.


Nessun commento:

Posta un commento