venerdì 16 agosto 2013

TRAGEDIA IN MARE A FERRAGOSTO. MUORE NOTO MEDICO DI ACIREALE

Era uscito all’alba di ieri per una immersione e non è più tornato. E’ morto così un noto medico di Acireale, Carlo Testa. E' stato ritrovato senza vita poco dopo le ore 14 di ieri, nelle acque antistanti il litorale di Pozzillo, una frazione di Acireale. Intorno alle 10 di ieri mattina la moglie del sub, preoccupata per il mancato rientro del marito, aveva dato l'allarme chiamando il numero di emergenza "1530" della Guardia Costiera. Carlo Testa, 62 anni, medico di Acireale, era uscito da casa alle 6.30 per una immersione. Immediate sono scattate le ricerche, che hanno coinvolto due Unità Navali ed un elicottero della Guardia costiera, decollato dalla vicina Base aeromobili di Catania, oltre a personale militare intervenuto dal vicino Ufficio Locale Marittimo ed un velivolo Atr42 delle Capitanerie di porto, già in volo per le consuete attività istituzionali, che è stato dirottato sul posto. Le ricerche si sono concluse poco dopo le 14 quando è stato ritrovato il cadavere sul fondo del mare. Il recupero del corpo, da parte dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco, si è reso particolarmente difficile per il mare particolarmente agitato. Il medico sarebbe morto per un malore durante la battuta di pesca subacquea in quel tratto di mare che conosceva molto bene. La salma della vittima è stata trasportata nel porticciolo di Pozzillo per gli accertamenti di rito. Il medico legale intervenuto sul posto ha accertato il decesso per annegamento e dichiarato che non vi erano evidenti cause per disporre ulteriori esami.

Nessun commento:

Posta un commento