martedì 27 agosto 2013

PROVERBIO DEL GIORNO ... (Non fari nenti si voi non si sapi nenti)

Non fari nenti si voi non si sapi nenti.

DIALETTO MESSINESE
Non fare niente se vuoi che non si sappia niente

Il proverbio avverte che se si fa qualcosa in gran segreto, prima o poi anche involontariamente viene portato a conoscenza. In altre parti della Sicilia ma anche nel Sud Italia, per spiegare lo stesso concetto si dice:


Ammuccia, ammuccia, ca tuttu pari
Nascondi, nascondi, che tutto appare
Anticamente il proverbio nasce per spiegare alle giovani donne innamorate che non dovevano appartarsi col ragazzo, o fare la classica "fuitina" (scappare), perché, se fossero rimaste incinte e il giovanotto era un mascalzone (che non  si prendeva le responsabilità delle azioni compiute), ai nove, per non dire anche prima, si sarebbe scoperto comunque. E quindi, non fare niente che così niente si può sapere.

Nella poesia che segue, in dialetto cosentino, lo stesso proverbio viene detto per spiegare un altro fatto

poesia di Matilde Maisto

Ammuccia ammuccia                               Nascondi nascondi
ca tuttu pari                                              che tutto si vede
cu lu guadagnu                                         Con il guadagno onesto
e cu l’arrubbari.                                        e il rubare.
Ammuccia ammuccia                                Nascondi nascondi
ca tuttu pari                                               che tutto si vede
Caru cumpari!                                           Caro compare!
“Patrù! Patrù!”                                        “Padrone! Padrone!”
Scappa, e unni s’ammuccia                      Scappa, e dove si nasconde
u sacchinaru?                                            il ladruncolo?
Ca ormai u scupreru? …                          Che ormai lo hanno scoperto….

Ed ora per confermare che i proverbi sono sempre attuali basta leggere quello che è accaduto ad un uomo e a sua moglie nel mese di marzo per salvare un bambino ... continua a leggere ...



Nessun commento:

Posta un commento