domenica 4 agosto 2013

PALPEGGIA BIMBA E RISCHIA IL LINCIAGGIO DELLA FOLLA

Incredibile episodio di pedofilia ai danni di una bimba a Napoli. 

Un uomo, di 38 anni, all'interno di una cartoleria ha costretto una bimba di 8 anni a subire palpeggiamenti, dopo averla attirata con l'inganno dietro uno scaffale, alcuni clienti se ne sono accorti e lo hanno inseguito per strada mentre lui se la dava a gambe. Fuga inutile. La folla, si parla di decine di persone, ha raggiunto l’uomo e dopo averlo accerchiato lo ha pestato a sangue. Aggredito dalla folla, R. B., senza precedenti penali, è stato "salvato" dai carabinieri, accorsi nel quartiere Fuorigrotta di Napoli, che lo hanno arrestato per violenza sessuale aggravata. Secondo la ricostruzione dei militari dell’Arma l’uomo ha attirato con un tranello la bimba dietro uno scaffale della cartoleria e lì ha iniziato a palpeggiarla. Scoperto da alcuni clienti, l'uomo ha cercato di darsi alla fuga ma è stato inseguito, raggiunto e bloccato da un numero crescente di persone che nel passaparola seguito al fatto si erano messe alla sua caccia. A picchiarlo selvaggiamente per la strada, in via Leopardi, sarebbero state una cinquantina di persone, un numero cresciuto man mano che il passaparola dei testimoni presenti nella cartoleria si diffondeva nel quartiere. L’uomo si è salvato da quello che poteva trasformarsi in un vero e proprio linciaggio solo grazie all'intervento dei carabinieri, allertati da una telefonata anonima. La chiamata al 112 è giunta intorno alle 19, segnalando la presenza di un uomo che, all'interno di una cartoleria in via Leopardi, stava abusando di una minore. I militari, una volta giunti sul posto, sono dovuti intervenire per tentare di sottrarre l'uomo seminudo al linciaggio degli aggressori che, alla vista delle divise, si sono dileguati. L'uomo è stato portato in ospedale e ricoverato in condizioni serie per gravi traumi alla testa e lesioni al volto. Per le percorse prese potrebbe essere necessaria un’operazione al volto. Nelle prossime ore, da quanto si apprende, dovrebbe essere sottoposto ad un’intervento chirurgico. Il "pedofilo" è in stato di arresto, piantonato in ospedale dai carabinieri, con l’accusa di violenza sessuale aggravata. La piccola, visitata in ospedale, non ha fortunatamente riportato alcuna lesione. L’episodio è accaduto venerdì sera e sul fatto ora indagano i carabinieri per cercare di identificare i suoi aggressori.




Nessun commento:

Posta un commento