sabato 10 agosto 2013

NOMINATA RESPONSABILE DELLA CORRUZIONE E DELL'ILLEGALITÀ DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

E' Luciana Giammanco il responsabile della prevenzione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione. La nomina è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale della Regione siciliana. "In considerazione della complessità dell'organizzazione amministrativa della Regione siciliana – si legge sulla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana – su richiesta del responsabile, potranno essere individuati referenti per la corruzione che operano nelle strutture dipartimentali". L'ex commissario straordinario dell'ex Provincia Regionale di Trapani, classe 1961, laureata in giurisprudenza e dirigente del dipartimento regionale della Funzione Pubblica e del Personale, dovrà vigilare su eventuali atti di illegalità all'interno dell'amministrazione siciliana. La responsabile qualora lo volesse potrebbe avere una serie di collaboratori che la aiuterebbero nel suo lavoro all'interno dei vari dipartimenti della Regione. Prima del nuovo incarico, la dott.ssa Luciana Giammanco, il 3 agosto scorso, da Dirigente Generale del Dipartimento della Funzione Pubblica e del Personale, con il decreto n. 4671 del 31 luglio 2013, ha costituito il Comitato Unico di Garanzia (C.U.G.) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. L'organismo, previsto dall'art. 57 del D.Lgs 165/2001 e s.m.i, accorpa le competenze dei precedenti "Comitato per le pari opportunità" e "Comitato paritetico sul mobbing". Il Comitato ha composizione paritetica ed è formato da 8 componenti designati dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative e da n.8 componenti rappresentanti dell'Amministrazione. Presidente del C.U.G. è stata nominata la dott.ssa Maria Rita Comparetti, dirigente regionale in servizio presso il Comando del Corpo forestale. I componenti ed il Presidente del C.U.G. durano in carica 4 anni e svolgono le attività previste a titolo gratuito.

Nessun commento:

Posta un commento