venerdì 30 agosto 2013

MARSALA. GIOVANE MAMMA DI 4 FIGLI MUORE DOPO INTERVENTO CHIRURGICO. INDAGA LA PROCURA













E' un giallo la tragica fine di una giovane mamma marsalese di 30 anni. Maria Antonietta Messina, madre di 
quattro figli, è deceduta, dopo un intervento chirurgico, all'ospedale "Paolo Borsellino di Marsala. Sul decesso sono state aperte due inchieste. La donna mercoledì sera si recata al pronto soccorso dell'ospedale marsalese lamentando forti dolori addominali. Viene visitata e dopo alcuni accertamenti, i medici deciso di sottoporla ad un intervento chirurgico, ma poche ore dopo essere uscita dalla sala operatoria, viene colta da un arresto cardiaco. Il tentativo di rianimare Maria Antonia va avanti per un'ora e mezza, ma ogni manovra per salvarle la vita è vana. Il suo cuore smette di battere in piena notte. Maria Antonietta, due mese fa, ha dato alla luce, al Sant'Antonio Abate di Trapani, Greta, una femminuccia dopo tre maschietti. Originaria di Salemi, Maria Antonietta viveva a Marsala da quando si era sposata con Matteo Sammartano, giardiniere. Lascia quattro figli, il più grande, Simone, ha solo nove anni, Salvatore sette, Jonathan appena quattro e Greta, la più piccola, con circa due mesi di vita. La scomparsa della ragazza appena trentenne ha lasciato la famiglia nello sgomento. Non essendo chiare le cause della morte, la Procura della Repubblica di Marsala ha aperto un'inchiesta e disposto l'autopsia sul corpo della donna, che dovrà accertare cosa è accaduto e se ci sono dei responsabili. Ad indagare sono gli agenti del commissariato di Polizia di Marsala, guidati dal vice questore Piero Sciacca e dal commissario capo Carmine Massarelli, coordinati dalla procura di Marsala. L'indagine, in attesa dei risultati dell’autopsia, servirà a comprendere se ci sono eventuali responsabilità da parte dei sanitari, ovvero se la morte della giovane madre sia stata causata dall'intervento effettuato al nosocomio marsalese, o dai postumi del parto cesareo avvenuto all'ospedale trapanese o da altre cause. Intanto, un'inchiesta interna è stata avviata anche dai vertici sanitari dell'ospedale marsalese. Sembra, dai primi accertamenti, che l'intervento urgente, a cui è stata sottoposta la donna, fosse pienamente riuscito come ha anche confermato il direttore sanitario del "Borsellino" Maria Carmela Riggio. La dimostrazione sarebbe data, secondo la direzione, dal fatto che la donna si sarebbe svegliata dopo essere svanito l'effetto dell’anestesia. Subito dopo, però, ci sono state delle complicazioni che col passare dei minuti non hanno lasciato scampo alla donna. "Vogliamo fare chiarezza - precisa Carmela Riggio - su ciò che è successo". Nella città lilibetana non si parla solo di una giovane vita spezzata, ma anche del destino di quattro bimbi piccoli, che dovranno crescere senza poter più riabbracciare la loro mamma.

Nessun commento:

Posta un commento