mercoledì 28 agosto 2013

MAFIA. TRIASSI ARRESTATO IN SPAGNA, ORA E' IN ITALIA

Alle ore 17.20 e' atterrato, proveniente dalla Spagna, Vincenzo Triassi, ritenuto, insieme al fratello Vito, a
capo di una vasta organizzazione criminale di stampo mafioso operante da anni sul litorale romano.
L'esecuzione del provvedimento e' la prosecuzione dell'operazione conclusa dalla Squadra Mobile della Questura di Roma alla fine del mese di luglio, quando furono arrestati i capi e gli affiliati appartenenti ad una vasta ed agguerrita organizzazione criminale di stampo mafioso operante nella Capitale e, in particolare, nel litorale di Ostia. Nei confronti di tale organizzazione, formata dalle famiglie Fasciani e Triassi, tra loro contrapposte, il GIP presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locala Direzione Distrettuale Antimafia, aveva emesso 51 ordinanze di custodia cautelare in carcere.Grazie alla collaborazione tra la Polizia italiana e quella spagnola, il boss mafioso era stato rintracciato sull'isola di Tenerife, ove stava trascorrendo un periodo di vacanza insieme alla moglie, e ristretto presso un penitenziario di Madrid in esecuzione di un Mandato di Arresto europeo emesso nei suoi confronti. I soggetti destinatari del provvedimento cautelare sono ritenuti, a vario titolo, responsabili dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsione, usura, traffico internazionale di stupefacenti, infiltrazione nel tessuto amministrativo e corruzione. Va preliminarmente evidenziato che le investigazioni hanno consentito, per la quasi totalita', di fare piena luce sui componenti e le attivita' illecite poste in essere dalle consorterie mafiose degli Spada, federati alla famiglia Fasciani, e dei TRIASSI, quest'ultima a loro contrapposta ed affiliata a "Cosa Nostra" siciliana. Da qui il nome dell'Operazione denominata "Nuova Alba" proprio al fine di evidenziare come l'indagine ha potuto assicurare alla giustizia i capi, i reggenti ed i gregari delle famiglie mafiose piu' temute e potenti che insistono sul territorio della provincia di Roma ed Ostia, ridando luce ad un territorio nel quale era "calata la notte della citta'" - come affermato testualmente dal G.I.P. del Tribunale di Roma nell'ordinanza - liberandola dalla cappa oppressiva della criminalita' organizzata, che cerca di inserire i propri tentacoli in ogni tessuto produttivo al fine di acquisire il controllo e la gestione delle relative attivita'.I due schieramenti mafiosi da diversi anni gestivano ogni tipo di attivita' illecita in alcune zone della Capitale ed, in particolare, nell'abitato di Ostia (RM) divenuto, negli ultimi anni, il fulcro di importanti interessi connessi alle lucrose attivita' di ristorazione e turistiche ivi presenti. Nell'ambito dell'indagine sono stati raccolti univoci elementi probatori, totalmente recepiti dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia, che hanno consentito di contestare, per la prima volta, il reato di associazione di stampo mafioso agli appartenenti alle famiglie Fasciani e Triassi dimostrando come le stesse, benche' contrapposte tra loro, grazie alla forza intimidatrice ed al vincolo inscindibile creato nel corso del tempo, avevano esteso il proprio dominio anche in alcune zone della Capitale. In particolare, Triassi Vincenzo, insieme al fratello Vito, arrestato invece alla fine di luglio, si ritiene abbiano fatto parte dell'associazione di tipo mafioso "Cosa Nostra", segnatamente della famiglia di Siculiana, ricoprendo insieme funzioni direttive nel territorio di Ostia, essendo incaricati, per conto della Cosca Caruana-Cuntrera del controllo del territorio, della gestione delle attivita' delittuose di traffico di armi e di stupefacenti, del controllo delle attivita' economiche di balneazione e ristorazione nel litorale di Ostia e dei rapporti con i vertici delle altre organizzazioni criminali operanti nello stesso territorio, in qualita' di luogotenenti dei Cuntrera.
"Non comando neanche a casa mia, comanda mia moglie". Cosi' ha risposto ai microfoni di Rainews24 il boss Vincenzo Triassi, arrivato a Fiumicino oggi pomeriggio, estradato dalla Spagna. Triassi e' ritenuto, con il fratello Vito, il capo di un'organizzazione criminale attiva nel litorale romano, insieme ai Fasciani e D'Agati. Alla domanda se conosce i capi del clan siciliano Cuntrera e Caruana, Triassi ha risposto: "Io non conosco i Cuntrera-Caruana. Io ero bambino, questo dovete scrivere sui giornali". Vincenzo Triassi ha anche affermato di aver gia' pagato in passato per le accuse che gli vengono formulate dalla Procura di Roma.

Nessun commento:

Posta un commento