lunedì 12 agosto 2013

"L'ORIENTEERING POTRÀ ESSERE PRATICATO ANCHE NEL TRAPANESE". ALLORA A CASTELVETRANO E GIBELLINA CHE SPORT SI E' PRATICATO IN QUESTI ANNI?

"Accordo tra Coni Sicilia e FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento) per promuovere l’orienteering in provincia di Trapani. Al via la campagna informativa sulla disciplina nordica di corsa e montain bike, con
bussola e cartina topografica nei boschi. Grazie a vivilbosco.it l’orienteering, lo sport dei boschi, nato nei paesi del nord Europa, potrà essere praticato anche in provincia di Trapani". La frase ad effetto è riportata su www.boscoalcamo.it. Lodevole iniziativa, ma lo sport dei boschi, nato nei paesi del nord Europa, almeno in provincia di Trapani non è una novità. L'orienteering in provincia di Trapani è già ben noto, in special modo nel territorio di Castelvetrano Selinunte, dove da anni le amministrazioni comunali Pompeo ed Errante hanno finanziato, supportati da Provincia Regionale di Trapani e Regione Siciliana, l'iniziativa. L'anno scorso, i primi d'ottobre si è svolta la cinque giorni internazionale di Sicilia di Corsa Orientamento Castelvetrano, denominata Five Days Sicily 2012, che ha fatto tappa a Selinunte con un percorso progettato all’interno del Parco Archeologico.
Nell'occasione i 300 atleti provenienti da 11 nazioni, sono rimasti estasiati dallo scenario di gara. Correre all’interno della storia, tra i templi della Magna Grecia, con passaggi spettacolari dentro l’Acropoli, tra i colori ancora estivi del parco in simbiosi con l’azzurro di un mare dagli orizzonti infiniti, ha reso l'evento "una gara unica! - aveva dichiarato entusiasta il primo cittadino, Felice Errante, il 4 ottobre 2012 - che è già entrata nella storia dell’orienteering mondiale per lo scenario straordinario offerto agli sportivi nordici, ed ha premiato l’impegno del Park Word Tour Italia di promuovere l’orienteering in luoghi esclusivi della Provincia di Trapani. Il successo organizzativo di Selinunte - continuava Errante - è stato possibile grazie al grande lavoro sinergico tra amministrazione di Castelvetrano, la Regione Sicilia – direzione del Parco Archeologico, la Provincia di Trapani, gli operatori turistici locali e le associazioni di volontariato. Il tutto egregiamente coordinato - concludeva il sindaco di Castelvetrano - dall’assessore Marco Campagna e dalla referente locale dell’organizzazione Giannalisa Russo".
L'orienteering o sport dei boschi, spiegava l'Amministrazione, consiste nell'effettuare un percorso predefinito caratterizzato da punti di controllo chiamati lanterne e con l'aiuto esclusivo di una bussola e di una cartina topografica molto dettagliata in scala ridotta, che contiene particolari del luogo da percorrere. Tra i percorsi della cinque giorni 2012 l’interno del suggestivo scenario del bosco dell’area attrezzata nei pressi del lago Delia. Certo per il territorio castelvetranese si parlava di gare e premiazioni, mentre per "il gruppo di operatori ambientali, che gestisce la riserva naturale di Bosco D'Alcamo, sarà il punto di riferimento in provincia di Trapani per la promozione di questa disciplina sportiva che consiste nel raggiungere un traguardo in corsa, o in mountain bike, attraverso percorsi che presentano gradi variabili di difficoltà, con il solo ausilio della bussola e di una carta topografica. L’accordo - prosegue la nota stampa di vivilbosco.it - è stato trovato nei giorni scorsi durante un incontro presso la sede regionale del Coni a Palermo, tra il presidente della FISO (Federazione Italiana Sport Orientamento) Pietro Greco, Eugenio Ceglia, Presidente dell’Associazione Euro, titolare dei servizi di fruizione della riserva di Bosco D’Alcamo e lo staff di Vivilbosco. Il 24, 25 e 26 ottobre, vivilbosco – Riserva Naturale di Bosco d’Alcamo ospiterà una tre giorni di formazione intensiva sull’orienteering didattico, rivolta ad appassionati ed operatori sportivi".
Ad ottobre, quindi, vi sarà un corso di formazione intensiva sull’orienteering didattico a Bosco d'Alcamo e questa è una novità, ma non si può di certo far passare per notizia che "Grazie a vivilbosco.it l’orienteering, lo sport dei boschi, nato nei paesi del nord Europa, potrà essere praticato anche in provincia di Trapani". L’orienteering è praticato in provincia di Trapani già da un paio di anni. Castelvetrano e Gibellina ne hanno il primato. Ed esattamente dal febbraio 2011, quando l'organizzazione delle tappe italiane del Mediterranean Open Championship (MOC) Orienteering, è stata affidata ad uno staff di tecnici internazionali e nazionali di
consolidata esperienza del asd Park World Tour Italia, in collaborazione con i comuni di Castelvetrano (capofila), Gibellina, Sciacca, CONI Sicilia e CSEN Italia.
Il riferimento del coordinamento istituzionale era Nino Centonze, assessore di Castelvetrano. Il MOC (Mediterranean Open Championship) Orienteering ha risposto all’esigenza di consolidare e radicare un grande evento internazionale di orienteering nell’area mediterranea, a cadenza annuale per valorizzare, attraverso un evento itinerante ad elevata qualità sportiva ed organizzativa,  il Mediterraneo quale meta eco-turistico-sportiva in periodi destagionalizzati. Dal 25 al 27 marzo 2011 furono tre le tappe del Campionato Mediterraneo Open 2011: il centro storico di Sciacca, il Cretto di Burri a Gibellina e il centro gara Selinunte/Castelvetrano.

Nessun commento:

Posta un commento