mercoledì 3 luglio 2013

SOCCORSO IN MARE. LA CHIAMATA AL 1530 SALVA DUE NAUFRAGHI

Un'imbarcazione di dodici metri comincia ad imbarcare acqua e rischia di affondare. I due a bordo chiamano il numero blu unico nazionale per le emergenze in mare, il "salvavita" 1530. Immediato l'intervento della Capitaneria di Porto di Trapani che ha avviato le ricerche con una motovedetta, salpata dal porto di Trapani ed un gommone da Marettimo. I due naufraghi nel frattempo, avevano abbandonato l'imbarcazione, trasferendosi su un piccolo tender al largo di Punta Troia, area Marettimo. La Capitaneria, localizzato uno yacht straniero in zona, l'ha invitato a partecipare alle ricerche. Ed è stato l'equipaggio dello yacht a trovare i due naufraghi, impauriti ed infreddoliti. I due, messi in salvo, sono stati accompagnati al porto di Trapani. Non sono state necessarie cure mediche in quanto i due naufraghi, a parte il freddo e la paura, stavano bene. La Capitaneria di Porto ha comunque avviato un'inchiesta per comprendere la dinamica dell'incidente.

Nessun commento:

Posta un commento