martedì 30 luglio 2013

SESSO IN CAMBIO DI UNA CASA POPOLARE. ARRESTATO ASSESSORE

Ivo D'Agostino, 51 anni, avrebbe ricattato sessualmente ragazze madri in difficoltà economica per favorirle nell'assegnazione delle case popolari. Gli incontri negli uffici comunali

Avrebbe chiesto prestazioni sessuali in cambio di alloggi popolari e per questo Ivo D'Agostino, assessore Udc alla Casa di Chieti, è stato posto agli arresti domiciliari dalla Squadra mobile in esecuzione di un ordine di custodia cautelare del gip. Le ipotesi di reato sono concussione, tentata concussione e violenza sessuale. Le vittime sono cinque donne, per lo più ragazze madri, tre delle quali straniere, tutte in condizioni economiche precarie. Le vittime degli abusi sono cinque donne, per lo più ragazze madri, tre delle quali straniere, che versavano in condizioni economiche precarie alle quali l'assessore avrebbe promesso l'alloggio, pur in presenza di una regolare domanda presentata dalle malcapitate, in cambio di prestazioni sessuali. 
L'indagine, come ha spiegato il dirigente della Squadra Mobile, Francesco Costantini, è partita dalla denuncia di una delle vittime, presentata nello scorso giugno. Gli abusi sono cominciati nel novembre 2011: agli inquirenti è stato mostrato il contenuto di alcuni sms che D'Agostino aveva spedito alle vittime, mentre in un caso il contenuto di una telefonata è stato ascoltato in presa diretta dai poliziotti che indagavano. Gli incontri sessuali sarebbero avvenuti negli uffici comunali dell'assessorato alle politiche della casa.

Nessun commento:

Posta un commento