sabato 20 luglio 2013

PACECO AUMENTANO I RICORSI AL TAR PER I RISULTATI DELLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE

Non c'è pace per le recenti elezioni nel Comune di Paceco. Un'indagine della magistratura, un ricorso presentato al Tar e un altro annunciato. Dopo l'esposto del sindaco di Paceco, Biagio Martorana, che ha chiesto di fare chiarezza sull'attribuzione dei voti e di verificare se ci siano state irregolarità durante lo spoglio,
la Procura della Repubblica di Trapani ha acquisito i verbali delle sezioni e tutta la documentazione della tornata elettorale. Sotto osservazione,  in particolare, c'è la sezione numero 4. Riguardo il ricorso presentato da Giovanni Bongiorno, primo dei non eletti della lista “L'Impegno per Pacecco Continua”, il Tar di Palermo ha già fissato l'udienza per il prossimo 12 novembre. Sotto accusa è finito il candidato sindaco Gianni Basiricò. Nel ricorso si fa riferimento all'utilizzo del marchio del Comune in una delle liste a sostegno di Basiricò. Utilizzo che, secondo Bongiorno, sarebbe illegittimo. Se il Tar dovesse accogliere il ricorso verrebbe messa in discussione l'intera lista. Infine, è stato un altro ricorso al Tar, la persona lesa è Lidia Bellezza, prima dei non eletti della lista “Insieme per Cambiare Paceco”, che era a sostegno del candidato sindaco Basiricò. Ed è proprio il seggio consiliare ottenuto da Basiricò, che era anche candidato al consiglio comunale, ad essere in gioco tra i due. L'errata attribuzione dei voti alle liste, oggetto dell'esposto del sindaco rieletto Martorana  e dell'indagine di conseguenza avviata dalla magistratura, ha consegnato un seggio in più alla lista di Basiricò, togliendolo alla candidata Bellezza. Resterebbe da dire che a Paceco i risultati delle elezioni amministrative di giugno siano ancora in corso. 

Nessun commento:

Posta un commento