lunedì 8 luglio 2013

LADRO SEGNA AUTOGOL. DOPO LA RAPINA RESTA TRA I CURIOSI ACCORSI ALLE URLA DELLA VITTIMA E LO ARRESTANO

Un giovane trapanese, dopo aver aggredito e derubato un’anziana signora, al posto di scappare, si mescola tra la folla di curiosi accorsi alle urla della vittima e, inevitabilmente, viene tratto in arresto. Autore del gesto Roberto Saggio, 30 anni, già noto alle forze dell’ordine, arrestato con le accuse di rapina e lesioni personali. L'episodio è accaduto lo scorso fine settimana, poco prima delle ventitré, in un quartiere periferico di
Trapani. Il ladro, dopo essersi introdotto all'interno dell'appartamento dell’anziana donna, s'è impossessato di un portafogli, poggiato sul tavolo del salone, al cui interno erano custoditi cinquanta euro. Alla vista del ladro, l’anziana donna, trovandosi da sola in casa, inizia a gridare, ma il trentenne, ormai scoperto, non esita ad appropriarsi della banconota e spingendo violentemente la donna, per riuscire precipitosamente a scappare, la scaraventa per terra. Dopo aver guadagnato la fuga e il colpo messo a segno, al posto di dileguarsi, però, Saggio è rimasto in zona mescolandosi alla folla di curiosi che brevemente si era formata davanti la casa della donna, fingendosi uno dei tanti curiosi accorsi a seguito delle grida della pensionata. Una delle regole note a molti malavitosi è quella secondo la quale è bene non tornare mai sul luogo del delitto. Roberto Saggio, però, quel luogo non l’ha mai abbandonato. Forse ha pensato di riuscire a farla franca mimetizzandosi tra la folla di curiosi formatasi successivamente alla rapina che lo stesso aveva effettuato a casa dell’anziana donna. La sua esperienza da pregiudicato è servita a poco. Roberto Saggio non aveva fatto i conti con la dettagliata e minuziosa descrizione fornita dalla vittima, che lo ha fatto velocemente identificare ed arrestare dagli agenti della volante della Questura di Trapani, accorsi prontamente sul posto. Mentre la pensionata è stata trasporta in ospedale per accertamenti a seguito della caduta, Saggio, dopo l’arresto di concerto con l’Autorità Giudiziaria, è stato trasferito presso la casa circondariale di San Giuliano, in attesa della convalida del fermo.
di Salvo Cimino

Nessun commento:

Posta un commento