mercoledì 31 luglio 2013

ENNESIMO SUICIDIO. DIPENDENTE CEFOP SI LANCIA DALL'ASSESSORATO AL LAVORO.

Si è suicidato buttandosi dal quinto piano dell'assessorato al Lavoro un dipendente dell'istituto di Formazione Cefop di Palermo. Si tratta di Riccardo De Lisi, di 44 anni, deceduto all'ospedale Villa Sofia. L'uomo, sposato e con due figli, soffriva di crisi depressive. Era un architetto, come la moglie, che però era disoccupata. De Lisi, in un gesto di estrema disperazione, si è gettato dal balcone del quinto piano della sede dell'assessorato al Lavoro di via Imperatore Federico, dove era in corso un tavolo tecnico sulla Formazione alla presenza dei sindacati. Immediatamente soccorso da un medico che era lì di passaggio, è stato trasferito all'ospedale Villa Sofia. Ma le sue condizioni gravissime non gli hanno lasciato scampo: De Lisi è morto poco dopo. De Lisi si trovava all'assessorato con alcuni colleghi. I lavoratori chiedevano certezze sul proprio futuro occupazionale. certezze che da troppo tempo mancano. Un gesto, quello di De Lisi, di estrema protesta verso il sistema politico che "tiene in ostaggio" i lavoratori della Formazione Professionale. I dipendenti del Cefop e dell'Anfe, altro centro di formazione, da oltre due settimane stavano protestando, con manifestazioni e sit in, per il loro licenziamento nel dicembre e gennaio scorsi, chiedendo al governo regionale il reintegro nel servizio. "Riccardo soffriva di depressione - spiega Giovanni Migliore della Cisl, che stava prendendo parte alla riunione - e per questo avvertiva probabilmente con più pesantezza e angoscia le forti difficolta' del settore e della sua condizione lavorativa". Anche De Lisi era stato licenziato. Al Cefop lavoravano, prima degli scandali e della ''rivoluzione'' operata dalla Regione nel settore della formazione siciliana, oltre 325 persone. Tra un mese, gli ex lavoratori del Cefop non percepiranno più il sussidio di disoccupazione: il primo settembre, dopo 7 mesi, non avranno più accesso al paracadute sociale. "Era stato assunto nel 2005, lavorava come amministrativo - dice un ex dipendente del Cefop, che da giorni protesta davanti alla nuova sede dell'assessorato alla Formazione. - È il quinto suicidio dal 2011, quando siamo stati messi in casa integrazione, per la prima volta, ad oggi. Nessuno ci ascolta, ci ignorano tutti, siamo disperati". Nel gruppo "Formazione professionale in Sicilia" di Facebook il cordoglio e la rabbia dei colleghi. "Basta parole adesso facciamo la guerra", scrivono alcuni.

Nessun commento:

Posta un commento