domenica 21 aprile 2013

ESPLOSIONE DI UNA CALDAIA NON CONVINCE. LA DONNA TROVATA CON MANI E COLLO LEGATI

Tragedia a Catania, nel quartiere Picanello. A causa di un incendio, è morta una donna mentre il marito è gravemente ferito per le ustioni riportate. Un episodio che con il passare delle ore si tinge di giallo. Sembrava una tragedia, potrebbe trattarsi di omicidio. La vittima si chiamava Maduri Warnacula, 42 anni, cingalese; il ferito è il marito, Sarath Moragoda, 45 anni, anche lui cingalese. Le sue condizioni sono gravissime. E' già stato sottoposto a operazione all'ospedale Cannizzaro di Catania. Secondo i Vigili del Fuoco che sono intervenuti, l'incendio potrebbe essere stata la conseguenza dell'esplosione di una caldaia all'interno dell'abitazione. Sull'episodio stanno indagando i carabinieri. E nelle ultime ore trapela un'ipotesi inquietante: l'incendio potrebbe essere stato causato in modo doloso e sembra che la donna avesse mani e collo legati con un filo elettrico. Bisognerà adesso ricostruire la dinamica dei fatti ma già si ipotizza che possa trattarsi di omicidio.  Il figlio della coppia, di appena 8 anni, fortunatamente non era in casa perché si trovava a lezione di catechismo.
da Si24

Nessun commento:

Posta un commento