sabato 9 febbraio 2013

BLITZ DELLA DIA A CANTIERI EDILI PER OO.PP.

TrapaniBlitz ispettivi del personale della Direzione Investigativa Antimafia di Palermo, in quattordici cantieri edili delle provincie di Trapani ed Agrigento. Nel corso delle ispezioni, coordinate dai Prefetti di Trapani, Marilisa Magno, e di Agrigento, Francesca Ferrandino, effettate in sinergia con i previsti “Gruppi Interforze”, Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Ispettorato del lavoro e Provveditorato opere pubbliche,e finalizzate a prevenire le infiltrazioni mafiose nei cantieri di lavoro, sono state controllate 14 imprese, 37 persone e 24 mezzi. “Tale attività di prevenzione, negli ultimi anni, effettuata nell’ambito di una più vasta quotidiana attività di intelligence su tutte le grandi opere pubbliche e sui lavori pubblici in genere - sottolineano gli investigatori - ha, sino ad ora, permesso alla Dia di appurare diverse situazioni di
controindicazione ai fini antimafia, a carico di imprese impegnate nei lavori di realizzazione di importanti opere pubbliche, nei confronti delle quali le stazioni appaltanti, opportunamente sensibilizzate, hanno provveduto a rescindere i contratti, in precedenza stipulati, per importi di rilevante entità”. Nel corso dei controlli sono state rilevate alcune violazioni inerenti le norme sull’assunzione dei lavoratori e contestate quelle in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro. Sotto osservazione sono finiti diversi lavori in corso nei comuni di Erice e Castelvetrano e Porto Empedocle. I cantieri ispezionati ad Erice sono stati quello di C.da Pizzolungo, per opere di messa in sicurezza della Via Enea, spesa prevista € 1.595.385,00, e in c.da Napola, per la realizzazione di un bocciodromo, la cui spesa prevista ammonta ad €. 618,583,00. Per i cantieri di Castelvetrano sono stati messi sotto osservazione la realizzazione del Centro comunale polifunzionale, la cui spesa prevista conta €. 3.446.000,00 ed il ripristino del manto stradale di diverse vie del comune che prevede una spesa intorno a €. 358.270,00. Mentre a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, sotto esame è la realizzazione della rotatoria sulla statale 115 e svincolo a raso in contrada Ciuccafa, che prevede una spesa che si aggira su 950.000,00 euro. L’assetto societario delle imprese impegnate nei cantieri, i rapporti contrattuali in essere, le relative maestranze identificate ed i mezzi d’opera individuati, verranno sottoposti ad approfonditi accertamenti e riscontri, al fine di rilevare eventuali condizionamenti da parte della criminalità organizzata.
di Irene Cimino per