mercoledì 20 febbraio 2013

AVVISO DI GARANZIA A DIRIGENTE COMUNALE


Alcamo – La Procura di Trapani ha notificato alcuni avvisi di garanzia nell’ambito dell’indagine relativa all’affidamento di un appalto da parte del Comune di Alcamo per il servizio di rimozione delle auto. Uno riguarda l’architetto Gaspare Fundarò, dirigente comunale, indagato insieme con altre persone, all’indomani del blitz della Guardia di Finanza di Trapani e della Polizia del commissariato di Alcamo che hanno sequestrato presso gli uffici comunali alcamesi il carteggio riguardante la gara d’appalto per il servizio di rimozione, blocco e custodia dei veicoli in sosta vietata. I documenti sono oggetto di un’indagine avviata di
recente, a seguito di una segnalazione del gruppo consiliare ABC, dalle Fiamme Gialle in merito all’appalto per il servizio di rimozione dei veicoli in sosta vietata ad Alcamo che era stato aggiudicato sebbene fossero state sollecitate e rilevate delle inadempienze. La questione era stata sollevata dal gruppo di opposizione “ABC - Alcamo Bene Comune”, nel corso della seduta del consiglio comunale, che aveva chiesto di conoscere “il motivo per cui fosse stata rinnovata la convenzione, nonostante il riscontro di inadempienze” da parte degli aggiudicatari. Nel frattempo, l’amministrazione municipale ha provveduto alla risoluzione del contratto, e dopo aver pubblicato un nuovo bando, ha affidato ad un’altra ditta il servizio in questione. Intanto, dagli uffici della Procura non trapela alcuna indiscrezione. Gli inquirenti confermano l'iscrizione del dirigente e di altre persone nel registro degli indagati senza tuttavia aggiungere ulteriori particolari. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Rossana Penna, “sono ancora in corso”.