mercoledì 6 febbraio 2013

ABUSA DELLA FIGLIA DI 7 ANNI. PADRE-ORCO ARRESTATO E CONDANNATO A 14 ANNI


Trapani - Quattordici anni di carcere per il padre-orco che è stato arrestato dai carabinieri di Trapani. Approfittando delle momentanee assenze della moglie, ha abusato ripetutamente della figlioletta, che all’epoca dei fatti aveva solo sette anni,. Si tratta di S.M., quarantacinquenne, residente in una frazione dell’agro trapanese. Deve scontare, in carcere, una condanna a quattordici anni ed un mese di reclusione per violenza sessuale aggravata nei confronti della figlia. I carabinieri della Compagnia di Trapani, impegnati in delicatissime indagini sulle violenze che vengono consumate in ambito familiare, sono andati a prelevarlo dalla sua abitazione per accompagnarlo nelle carceri di San Giuliano. Le violenze, secondo quanto accertato dai
militari dell’Arma, sarebbero avvenute tra il 2000 e il 2005. Gli atteggiamenti dell’uomo, negli ultimi periodi, sono diventati man mano più prepotenti, e per avere campo libero sulla minorenne,  non ha esitato a cacciare di casa la consorte. Le indagini dei carabinieri hanno preso il via in seguito alla denuncia sporta dalla mamma della bimba. Lei sapeva tutto, ma in un primo momento, per paura di subire ritorsioni da parte del marito ed anche per senso del pudore, era rimasta in silenzio, portandosi dentro un segreto troppo grande, cercando di mettere in rilievo più le azioni violente nei suoi confronti che le oscenità compiute sulla figlia. Alla fine, però, si è ribellata al marito-padrone, puntando l’indice accusatore contro di lui. Prendendo le mosse da una prima denuncia della madre disperata, i Carabinieri sono riusciti, con pazienza ed estrema delicatezza, a ricostruire l’intera vicenda. I riscontri raccolti dagli investigatori hanno così consentito all’Autorità Giudiziaria di porre termine alle esecrabili azioni dell’uomo. A conclusione dell’iter processuale, riconosciuti validi tutti gli elementi di prova forniti, il 45enne è stato condannato alla dura pena detentiva, con sentenza definitiva, liberando la piccola vittima dalle grinfie dell’orco, anche se porterà per sempre con se  l’incubo delle violenze subite.