martedì 8 gennaio 2013

ACCOLTA LA RICHIESTA PER PROCESSO DELITTO ANASTASI


TrapaniIl gup di Trapani ha accolto la richiesta di giudizio immediato, avanzata dalla Procura, per i presunti autori dell’omicidio di Maria Anastasi, la donna di 39 anni, madre di tre figli e incinta al nono mese, assassinata a colpi di piccone e poi data alle fiamme lo scorso 4 luglio nelle campagne di Trapani. Si tratta del marito della vittima, Salvatore Savalli, e dell’amante di questi, Giovanna Purpura, accusati rispettivamente di omicidio preterintenzionale con l’aggravante della crudeltà e di aver cagionato la morte del feto in prossimità del parto e di concorso nello stesso reato. Le
indagini, condotte dai carabinieri e coordinate dal procuratore capo Marcello Viola, che ha affidato il caso ai pubblici ministeri, Andrea Tarondo e Sara Morri, hanno consentito di assicurare alla giustizia i due presunti assassini a distanze di poche ore dal delitto. Il processo comincerà il prossimo 7 marzo dinanzi la Corte di Assise di Trapani. Gli imputati, assistiti dagli avvocati Giuseppe De Luca per Savalli e Michele Renda per la Purpura, potranno chiedere, entro quindici giorni dalla notifica del decreto di giudizio immediato, l’accesso a riti alternativi. Il processo prenderà il via senza però essere ancora risaliti al movente dell’efferato delitto.