giovedì 20 dicembre 2012

VISTA LA TRUFFA OLTRE L'ASSOLUTA CECITA'

Marsala Scoperta dalla Guardia di Finanza una falsa cieca con la passione delle carte da gioco. Protagonista della vicenda è una donna, A.G. di 73 anni di Marsala, denunciata per truffa. Da dieci anni risultava non vedente e l’Inps per otto anni le ha corrisposto la pensione di invalidità con indennità di accompagnamento. Le indagini sono scattate a seguito di una segnalazione arrivata al 117. La finzione andava avanti dal riconoscimento di cecità assoluta avvenuto nell’ottobre 2002, con corresponsione dei relativi contributi assistenziali. Dal maggio 2004, senza averne i requisiti, la donna ha percepito 106.790 euro. A.G. è stata incastrata dal video, girato da un militare delle Fiamme Gialle, che,

fingendosi operatore di una televisione locale, l’ha ripresa per un servizio mentre, seduta al tavolo, intenta a giocare. La Guardia di finanza ha denunciato alla Procura della Repubblica di Marsala anche i quattro medici della commissione che nel 2006 e nel 2009 hanno attestato la cecità totale della donna. Tre di loro erano già stati denunciati lo scorso giugno dalla Compagnia di Marsala per aver riconosciuto, nel 2005 e 2006, cardiopatie inesistenti a sedici persone sulla base di documenti ritenuti falsi. Secondo gli investigatori, il fascicolo relativo alla donna contiene alcune certificazioni non veritiere, redatte da un dirigente medico dell’unità operativa di oculistica di una struttura sanitaria pubblica. La falsa cieca ed i medici implicati nella vicenda devono rispondere, a vario titolo e in concorso tra loro, dei reati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e falsa perizia per induzione. Sono stati sequestrati  beni mobili ed immobili per oltre 88 mila euro, l’equivalente delle somme incassate indebitamente ai danni dell’Inps, a partire dal 2006, in quanto è attesa la prescrizione dei fatti antecedenti.