domenica 2 dicembre 2012

OTTO ANNI DI RECLUSIONE PER RAPINA A DISABILE


Trapani – Il Tribunale di Trapani ha inflitto una condanna di otto anni di reclusione per furto aggravato ad un topo d’appartamenti. Il giudice ha condannato Giovanni Cirlincione, trentaquattrenne trapanese, oltre che alla reclusione anche al pagamento di una multa di duemila e settecento euro per rapina. L’imputato, già noto all’Autorità Giudiziaria per le sue passate turbolenze, è stato accusato di furto aggravato. Secondo l’accusa, Cirlincione si era introdotto, insieme con un complice, all’interno dell’abitazione di un disabile. Il proprietario dell’appartamento era stato malmenato e poi derubato di vari oggetti preziosi in oro. Nel corso dell’aggressione la vittima aveva riportato una serie di escoriazioni e
ferite giudicate guaribili con una prognosi di 25 giorni. L’uomo si trova già nel carcere di San Giuliano dal 27 maggio 2011, quando insieme al complice Francesco Adragna, di anni 25, trapanese, è stato tratto in arresto dai carabinieri del capoluogo provinciale per il furto messo a segno in un’abitazione della via Marino Torre a Trapani.