martedì 4 dicembre 2012

FINANZIERE FERMATO PER STALKING


Trapani - Il maresciallo della Guardia di Finanza, Vinicio Musco, cinquant'anni, in servizio presso la compagnia di Trapani, è stato arrestato con l’accusa di stalking, minacce e truffa. L’arresto è stato eseguito dal personale della Sezione di Polizia Giudiziaria della Guardia di Finanza, i suoi stessi colleghi. Sulle indagini viene mantenuto il massimo riserbo, ma secondo alcune indiscrezione trapelate, Musco avrebbe ossessionato e perseguitato l’ex amante, con la quale aveva avuto una relazione extraconiugale. La donna ha raccontato che, dal momento in cui aveva deciso di troncare la relazione, minacce, telefonate, appostamenti, pedinamenti si
erano fatti così frequenti e nocivi che lei e la sua famiglia avevano dovuto lasciare la città per trasferirsi altrove, ma ciò non aveva fermato gli intenti persecutori di Musco, portandola alla fine a denunciarlo. Dopo le formalità di rito, Musco è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari. In passato, il sottufficiale era stato coinvolto in una vicenda analoga. Per gli stessi reati, lo scorso anno era già stato condannato in via definitiva ad un anno e quattro mesi per una vicenda di dieci anni prima, quando ancora il reato di stalking non esisteva. L’attuale caso è seguito dal pm Belvisi e, ad oggi, le indagini sono ancora in corso, per questo motivo il colonnello Calabrese conferma l’arresto ma non aggiunge altro in merito al fermo di Musco.