venerdì 9 novembre 2012

PESCATO CADAVERE CON PINNE NELLE ACQUE DI CALA MARINA


Castellamare del Golfo - Il cadavere di un uomo, in avanzato stato di decomposizione, è stato restituito dalle acque di Cala Marina. Forse, si tratta di un turista, annegato, verosimilmente, almeno due mesi fa. Il corpo è stato rinvenuto, ieri sera, nelle acque antistanti il porto di Castellammare del Golfo, nei pressi del Castello. Sul posto sono intervenuti i sommozzatori dei vigili del fuoco e gli uomini della guardia costiera della città marinara, allertata intorno alle ore 20 da una segnalazione. Il cadavere è stato recuperato dalla Guardia costiera che ha provveduto con un gommone a trasferirlo non senza problemi a terra. L’uomo, deceduto probabilmente
per annegamento, indossava il costume da bagno e un paio di pinne. Circostanza, questa, che lascia supporre che la tragedia si sia consumata qualche mese fa. Non si esclude che il decesso possa essere avvenuto in un’altra località, in quanto non risultano denunce di scomparsa nel trapanese. Secondo una prima ipotesi, il corpo potrebbe essere stato sospinto dalle correnti fino al porto di Castellammare. Da una prima ispezione cadaverica, eseguita dal medico legale dell’Asp di Trapani, visto lo stato del corpo ma anche cosa indossava, non è escluso che l’uomo possa essere annegato durante la stagione balneare. La salma, successivamente, è stata trasferita all’obitorio del cimitero di Alcamo, dove, disposta dalla magistratura, verrà eseguita l’autopsia per escludere ogni ipotesi diversa dalla morte naturale. Sono tutt’ora in corso le indagini a tutto campo per fare luce sulla vicenda ed accertare le effettive cause del decesso. Intanto, la Guardia costiera ha avviato una indagine per risalire all’identità della vittima.